"Rinchiude in casa mamma e zia e le costringe a dargli i soldi per il fumo", arrestato

In manette un 33enne, accusato di maltrattamenti in famiglia ed estorsione pluriaggravata. Dopo oltre un anno di vessazioni, le due donne si sono rivolte alla polizia. In un episodio la madre è stata trascinata fuori con la forza, in pigiama e sotto la pioggia, e costretta a prelevare del denaro al bancomat

Per oltre un anno avrebbe maltrattato la madre e la zia costringendole a dargli tutto il denaro in loro possesso e consentirgli così di comprare il "fumo". Con questa accusa la polizia ha arrestato un palermitano di 33 anni, con precedenti e abituale assuntore di stupefacenti, accusato di maltrattamenti in famiglia ed estorsione pluriaggravata.

Il provvedimento, disposto dal gip, è arrivato dopo le indagini condotte dai poliziotti del commissariato Zisa-Borgo Nuov”, sulla base di un'attività diretta e coordinata dal sostituto procuratore Ludovica D’Alessio.

A fare partire gli accertamenti sono state proprio le due anziane che, esasperate, hanno presentato denuncia. Il quadro tracciato dagli inquirenti è quello una violenza costante. "I comportamenti dell’aggressore - dicono dalla questura - sono stati connotati da una gravità inaudita, sfociata nella costante mortificazione della dignità delle due anziane e nella configurazione di gravi reati quali l’estorsione ed i maltrattamenti in famiglia. La ricerca di droga da parte del 33enne e le sue continue richieste di denaro avevano reso le donne prigioniere in casa loro, poiché letteralmente assoggettate a ogni sua richiesta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i tanti episodi ricostruiti, uno risulta particolarmente indicativo. Una sera, secondo quanto ricostruito, l'arrestato - non contento del denaro già estorto alla madre - l'ha costretta a uscire nonostante fosse già in pigiama (secondo la polizia è stata "trascinata con forza") per andare al bancomat e prelevare un’ulteriore somma di denaro. Il 33enne adesso si trova in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento