Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Vittorio Emanuele

"Istruisciti per non diventare come me", città invasa da manifesti contro razzisti e omofobi

Si chiama "La voce del popolo" l'iniziativa di Guerrilla Spam che ha raggiunto Palermo dopo le tappe di Torino, Firenze e Bologna. Le vie del centro storico si sono risvegliate tappezzate da questa sorta di "catalogo dei cattivi esempi"

Nelle scorse settimane è accaduto a Torino, Firenze e Bologna, ma negli ultimi giorni sono apparsi anche a Palermo i manifesti che recitano lo slogan "Istruisciti per non diventare come me" seguito dagli aggettivi razzista, fascista, omofobo, xenofobo o misogino. Questa serie di cinque manifesti fa parte del progetto "La voce del popolo" di Guerrilla Spam che ha tappezzato via Alloro, corso Vittorio Emanuele, via Alessandro Paternostro e altri vicoli del centro storico.

L’iniziativa propone una sorta di "catalogo dei cattivi esempi", con teste caricaturali e grottesche che identificano cinque personaggi. Questi volti grotteschi recitano sempre la stessa frase in prima persona "Istruisciti per non diventare come me" come fosse un mea culpa. “Il messaggio semplice e diretto - si legge in una nota - è quello che la cultura può aiutare ad essere cittadini migliori, più aperti, sensibili e curiosi verso gli altri”.

Va aggiunta una precisazione: studiosi come Jean Clair o Umberto Eco - spiegano - hanno più volte ribadito che, nella storia, persone colte (come alcuni gerarchi nazisti) hanno compiuto atti ignobili come stragi, attentati e violenze. Basti pensare a Goering o Goebbels che collezionavano arte raffinata e uccidevano in massa gli ebrei. “A nostro parere, la cultura e la conoscenza possono comunque aiutare ad avere una più profonda sensibilità e empatia verso gli altri; eccezioni considerate”, si legge ancora nella nota.

Le reazioni dei cittadini sono state delle più disparate. Sui social sono state scattate e condivise diverse foto, molti manifesti invece sono stati immediatamente strappati, coperti o raschiati via. “E’ ovvio, danno fastidio a persone che in quei patetici personaggi ci si riconoscono”.

E’ interessante però porre l'attenzione su cosa è successo in via de' Pepi a Firenze, quando uno degli abitanti del palazzo sul quale era stato affisso un manifesto, di seguito strappato, ha deciso di armarsi di pennarello e "restaurarlo". “E’ sicuramente molto bello e curioso - concludono - vedere come si sia creato un legame spontaneo tra l'artista ed il fruitore, per mezzo di un duplice atto illegale.Tutto questo nello spazio pubblico della strada”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Istruisciti per non diventare come me", città invasa da manifesti contro razzisti e omofobi

PalermoToday è in caricamento