Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Via Cavour

Caos acqua, vertice in Prefettura: nulla osta della Regione per Amap

Primi passi verso la risoluzione dell'emergenza riguardante il servizio idrico integrato. Ato potrà trasferirne la gestione, sino al prossimo 30 settembre, tramite la cessione del ramo di affitto Aps all'azienda partecipata al 100% dal Comune

Primi passi verso la risoluzione della gestione del servizio idrico integrato nei 42 comuni del palermitano. Dopo il vertice in Prefettura, convocato oggi su invito del Comune, la Regione ha dato il proprio nulla osta ad Amap affinché gestisca l'emergenza fino al prossimo 30 settembre. Alla società partecipata al 100% dall'Amministrazione, in un secondo momento, toccherà raccogliere la disponibilità dei comuni che vorranno aderire ad Amap, che avrà la possibilità di cedere delle quote del capitale sociale. L'Ato, a questo punto, dovrà fornire ad Amap una relazione sullo stato di consistenza e sul funzionamento degli impianti, soprattutto dei depuratori.

La questione stava diventando sempre più spinosa, soprattutto dopo che l'assessore regionale all'Energia Vania Contrafatto aveva dichiarato: "Dobbiamo prendere atto che l'Amap non è nelle condizioni di potere gestire il servizio svolto da Aps". Parole che avevano fatto saltare dalla sedia il presidente della società Maria Prestigiacomo. "La Regione si era impegnata a versare ad Amap uno start up di 8 milioni di euro per provvedere al pagamento di stipendi ed energia elettrica. Per quanto dichiarato dall’assessore in merito al passaggio dei 164 lavoratori Amiaessemme ad Amap - spiega Prestigiacomo - va precisato che esiste un contratto di servizio tra Comune di Palermo e Amap che copre i costi di tale personale. Sull’aumento di capitale è doveroso precisare che si tratta di qualcosa che ha riguardato tutte le aziende comunali che hanno chiuso il bilancio in attivo ed è stato correlato da un valido piano d’investimenti. Per quanto ci riguarda tale somma è destinata alla realizzazione dell’impianto di trattamento del percolato ad Acqua dei Corsari, che porterà alla stessa azienda uno sviluppo economico e finanziario".

All'incontro in Prefettura di oggi hanno partecipato il sindaco Leoluca Orlando, l'assessore al Bilancio Luciano Abbonato, il presidente di Amap Maria Prestigiacomo, l'assessore regionale all'Energia Vania Contraffatto, il commissario Munafò e i dirigenti generali dei dipartimenti regionali autonomie locali, acqua e rifiuti e bilancio. Sin da subito, durante il vertice, Amap ha conferma la volontà di gestire il servizio nel periodo di emergenza, disponendo le risorse di spesa corrente per monitoraggio, messa in esercizio e gestione del servizio idrico integrato. "La Regione - si legge nel documento - prende atto delle mutate condizioni rappresentate da Amap e manifesta che nulla osta a che Ato trasferisca la gestione del servizio tramite cessione del ramo di affitto Aps all'Amap". Sarà poi interesse della regione salvaguardare i livelli occupazioni. Di fatto, stando al verbale, l'azienda partecipata del Comune potrà utilizzare il personale Aps sino all'ultimo giorno della fase d'emergenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos acqua, vertice in Prefettura: nulla osta della Regione per Amap

PalermoToday è in caricamento