Fondi a sostegno dei cinema, Virzì: "Bene, Palermo fra le città più colpite"

Il responsabile dell’Ugl creativi di Palermo commenta positivamente la notizia relativa a 5 milioni a fondo perduto messi dalla Regione anche per interventi sugli impianti e gli arredi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

L’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana destina 5 milioni di euro alla riqualificazione delle sale cinematografiche siciliane per l’ammodernamento delle strutture, l’adeguamento degli impianti e la nuova realizzazione. I finanziamenti sono a fondo perduto e prevedono la possibilità di realizzare un’ampia gamma di opere. Tra le spese finanziabili rientrano oltre a quelle di tipo edilizio, anche quelle relative a impianti di proiezione digitale e impianti audio, climatizzazione, sistemi di sbigliettamento automatico, arredi e poltrone, interventi per l’ottimizzazione del consumo energetico e quelli di produzione di energia elettrica necessari al funzionamento.

"Vogliamo riparlarne in occasione del nuovo anno 2021 appena subentrato - spiega Filippo Virzì Responsabile dell’Ugl creativi di Palermo - gli interventi sono inseriti nell’avviso pubblico per il finanziamento di azioni nel settore delle sale cinematografiche destinato alle Pmi e alle associazioni no-profit per progetti di riqualificazione delle sale che si trovano nel territorio regionale. Destinatari oltre ai cinema mono e multisala sono anche i cineforum, i cinema d’essai, le cineteche".

"E’ un primo segnale di speranza - dichiara Virzì - apprezziamo quanto sta cercando di fare l’assessore Samonà lo riteniamo un incoraggiamento a non mollare in un settore colpito ingiustamente dalla chiusura da pandemia, i finanziamenti sono a fondo perduto e prevedono la possibilità di realizzare un’ampia gamma di opere, tra le spese finanziabili rientrano, infatti, oltre a quelle di tipo edilizio, anche quelle relative all’impiantistica: impianti di proiezione digitale e impianti audio, climatizzazione, sistemi di sbigliettamento automatico, arredi e poltrone, interventi per l’ottimizzazione del consumo energetico e quelli di produzione di energia elettrica necessari al funzionamento".

"Il cinema - aggiunge Virzì - unisce la gente, aggrega e favorisce la socializzazione della comunità, Palermo è fra le città in Sicilia maggiormente colpite dalla crisi. Ci uniamo al ringraziamento di Anec, Agis e Ueci verso la sensibilità dimostrata in tale settore dal governo regionale spesso invece silente in altri settori di primaria importanza come recentemente denunciato dall’Ugl Sicilia".

Torna su
PalermoToday è in caricamento