Mettono richiamo per quaglie in un albero, ma dalle rocce sbuca la Forestale: denunciati

Erano arrivati a bordo di due fuoristrada, con i cani da caccia al seguito, nella contrada tra Torretta e Palermo. Sequestrato un altro richiamo nascosto in località Coste di Zarcate, a Capaci. In questo periodo le quaglie risalgono dall'Africa verso l'Italia

Erano andati per una battuta di caccia a Cozzo Lupo, tra Palermo e Torretta, ma una volta arrivati si sono trovati di fronte agli uomini del Corpo forestale che sono sbucati fuori dalle rocce. Gli uomini del Nucleo operativo provinciale hanno denunciato due giorni il 58enne P.F., il cinquantenne M.G., il 28enne R.V. e il 23enne I.G., i quali alle prime ore del mattino avevano raggiunto il luogo prescelto a bordo di due fuoristrada e con i cani da caccia al seguito.

Gli uomini del Corpo forestale nei giorni precedenti avevano individuato un richiamo acustico utilizzato per riprodurre il verso della quaglia e posizionato in direzione della costa. Nel corso della stessa operazione antibracconaggio il personale del Nucleo operativo ha trovato e sequestrato in località Coste di Zarcate, a Capaci, un altro richiamo acustico illegale che era nascosto tra la vegetazione, all’interno di una cassetta di ferro ancorata con la catena a un olivastro.

Anche in questo caso il richiamo era stato posizionato in direzione del mare per attirare le quaglie che in questo periodo emigrano risalendo dall’Africa verso l’Italia e altri paesi europei. Altri dodici gli apparecchi sono stati sequestrati, nell’ambito delle attività pianificate con l’Ispettorato Ripartimentale delle foreste, lungo la fascia pedemontana costiera di Palermo, Santa Flavia, Carini, Altofonte e Capaci denunciando due persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • "Palestra trasformata in un ambulatorio del doping", 4 arresti e 16 indagati

  • Residenti svegliati da urla e schiamazzi: "C'è una rissa", polizia piomba in via Candelai

  • Autista del 118 offre lavoro in cambio di soldi, poliziotti si appostano al bar e lo arrestano

Torna su
PalermoToday è in caricamento