Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Covid, in Sicilia 666 nuovi contagi e 21 morti: cresce il numero delle persone in ospedale

Basso il numero di tamponi processati, poco meno di 16 mila, col tasso di positività che passa dal 2,9% di ieri al 4,1%. Il saldo dei posti occupati registra un +30. In provincia di Palermo altri 290 casi. A Messina registrato il primo caso di variante nigeriana

Inizia la seconda settimana di zona arancione in Sicilia. Come spesso avviene di lunedì, causa anche sospensione del servizio screening alla Fiera per il maltempo, il numero dei tamponi processati è inferiore alla media: sono infatti 15.977 i test effettuati nelle ultime 24 ore, di questi ne sono risultati positivi al Covid 666 con un tasso di positività che sale al 4,1% (ieri era del 2,9%).

Continua a crescere il numero delle persone che ha bisogno di cure ospedaliere. I ricoverati in regime ordinaro infatti diventano 783 (+32), mentre in terapia intensiva ci sono 123 pazienti (-2) con 6 nuovi ingressi in area critica. Sale rispetto agli ultimi giorni anche il numero dei nuovi decessi: che nelle ultime ventiquattro ore sono ben 21. Secondo quanto reso noto dal ministero della Salute si registrano 219 guariti, mentre gli attuali positivi tornano in alto toccando quota 16.618 (+426 rispetto a ieri). 

Insomma se nel resto d'Italia pare - come affermano alcuni esperti - si sia raggiunto il picco e si intravede un leggero miglioramento nella curva dei contagi, in Sicilia seppur con dati nettamente migliori rispetto a gennaio si assiste a una risalita dei casi. Ciò che ci si augura è che non si raggiunga gli stessi numeri di 3 mesi fa. 

Sul fronte delle province è sempre quella di Palermo a registrare il maggior numero di nuovi contagi (ma è normale che sia così), che oggi sono 291. Poi c'è Catania (100), Messina (52), Siracusa (65), Trapani (7), Ragusa (43), Caltanissetta (30), Agrigento (45) ed Enna (33). 

A Messina primo caso di variante nigeriana in Sicilia

Un sedicenne originario della Guinea si trova isolato nel reparto di malattie infettive del Policlinico di Messina. E' il primo caso in Sicilia di variante nigeriana del Covid 19. Il minorenne africano, era ospite di un centro di accoglienza in Sicilia, dal quale era fuggito con un amico. Rintracciati dalla polizia, sono stati entrambi sottoposti a tamponi. Risultati entrambi positivi, ad uno di loro è stata diagnosticata la variante.

Covid Sicilia Palermo-2

Il report settimanale, a Palermo polemica sui dati

La situazione nel resto d'Italia

Il nuovo bollettino registra oggi quasi 14 mila nuovi casi su appena 170 mila tamponi. Salgono i pazienti ricoverati in ospedale (+565 nei reparti non critici) e non accenna a diminuire la pressione sulle terapie intensive (+62). Una buona notizia arriva dall'Inghilterra dove su 5.342 diagnosi giornaliere si registrano appena 17 decessi: un vero e proprio crollo della mortalità correlata al Covid-19 che segue il successo della campagna vaccinale. Oltre 5 mila nuovi casi in Lombardia e boom di contagi in Puglia (oltre 2 mila) dove il governatore Emiliano valuta l'ipotesi di una zona rossa rafforzata con una maggiore stretta sui controlli e una richiesta alle aziende per un maggiore smart working. 

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 22 marzo

  • Nuovi casi: 13.846
  • Casi testati: --
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 169.196
  • molecolari: 106736 di cui 23895 positivi pari al 22.38 %
  • rapidi: 62460 di cui 606 positivi pari al 0.97%
  • Attualmente positivi: 563.067
  • Ricoverati: 28.049 (ieri 27.484)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 3.510, 227 nuovi ingressi (ieri 3.448) 
  • Totale casi positivi dall'inizio della pandemia: --
  • Deceduti dopo Covid test positivo: --
  • Totale Dimessi/Guariti: --
  • Vaccinati: 2.489.051 (7.841.399 dosi somministrate) 

si tratta del 81.9% delle 6.610.500 dosi consegnate da Pfizer e delle 493.000 consegnate da Moderna al 16 marzo. La campagna vaccinale dedicata agli over 80 non in Rsa ha coinvolto oltre 2.250.568 i "nonni" che hanno avuto almeno una dose del vaccino Pfizer/Moderna. Sospesa per accertamenti della Ema fino a giovedì la distribuzione delle dosi dei 2.474.000 vaccini AstraZeneca destinati alla fase 3: 199mila gli uomini delle forze armate già coinvolti, 724 mila tra il personale scolastico. Sul sito del Governo il report aggiornato dei vaccini. Ieri somministrate 122 mila dosi, sabato 160 mila, rispetto alle 300 mila auspicate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, in Sicilia 666 nuovi contagi e 21 morti: cresce il numero delle persone in ospedale

PalermoToday è in caricamento