I collaboratori scolastici protestano: bloccato il cavalcavia in via Crispi

I lavoratori, ex Lsu, chiedono garanzie per il futuro: il 31 dicembre il loro contratto scadrà. La manifestazione è stata indetta da Felsa Cisl e Uil Temp. Traffico in tilt

La protesta - Foto di Giorgio Mineo

Protestano i collaboratori scolastici, ex Lsu, di Palermo e provincia, i cui contratti sono in scadenza il prossimo 31 dicembre. Prima hanno organizzato un sit-in davanti alla sede della Prefettura in via Cavour e poi hanno bloccato il cavalcavia in via Crispi mandando il traffico in tilt. Le auto sulla strada, luogo della protesta, arrivano fino al carcere Ucciardone. Automobilisti in fila anche in via Roma e via Amari. 

Il motivo della protesta - I lavoratori chiedono un intervento immediato che gli dia garanzie e certezze per il futuro. Alla manifestazione, indetta da Felsa Cisl e Uil Temp, stanno partecipando, oltre ai segretari generali, Francesco Amato e Danilo Borrelli circa 400 lavoratori. 

La manifestazione ha incrociato un'altra protesta, quella dei lavoratori Almaviva, in sciopero in tutta Italia, che a Palermo hanno organizzato un sit-in davanti alla Prefettura per far sentire la propria voce contro il trasferimento di 62 di loro a Rende, in Calabria. Una delegazione di rappresentanti sindacali ha incontrato il capo di gabinetto del Prefetto Umberto Massocco
per chiedere nuovamente di convocare di un incontro al Mise per discutere della vertenza, "un licenziamento indotto dall’azienda"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • "Violenza sessuale su una paziente": polizia arresta un medico

Torna su
PalermoToday è in caricamento