menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Beni confiscati, inaugurata "la Casa della Cooperazione"

In via Ponte di Mare è partito il progetto di valorizzazione dell struttura, recuperata dopo oltre 22 anni di confisca

Si è svolta oggi in via Ponte di Mare la cerimonia di inaugurazione de “La Casa della Cooperazione”, un progetto di valorizzazione di un bene confiscato alla mafia, assegnato al Ciss/Cooperazione Internazionale Sud Sud dal Comune di Palermo e recuperato dopo oltre 22 anni di confisca grazie al sostegno della Fondazione Con il Sud. i locali di via Ponte di Mare sono stati riqualificati grazie al sostegno della Fondazione Con il Sud e dei partner Accademia Psicologia Applicata, Al Janub, YAM Srl, Associazione Casa dei Bimbi e due istituti della zona, ovvero l'I.I.S.S. Alessandro Volta e l'I.I.S.S. Gioeni Trabia. 

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, l'assessore alla Partecipazione, Giusto Catania, in rappresentanza del sindaco Leoluca Orlando a Roma per impegni istituzionali, il presidente della Fondazione Con il Sud, Carlo Borgomeo e la portavoce di AOI/Associazione Ong Italiane, Silvia Stilli.

"Un altro importante pezzo del patrimonio confiscato – hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore Giusto Catania -  torna oggi alla città e per la città, nello spirito della Palermo di oggi: quello aperto alla interculturalità, alla cooperazione, alla solidarietà fra i popoli. Una bella iniziativa che speriamo diventi una casa non solo per la cooperazione e della cooperazione, ma una casa per tutti gli abitanti del quartiere, inserendosi appieno nel più ampio cammino di recupero e ricostruzione del tessuto della costa sud della città” 

"La Casa della Cooperazione è una bella sfida - ha commentato il presidente del Ciss - Cooperazione Internazionale Sud Sud, Sergio Cipolla -. Quando abbiamo deciso di prenderci cura di questo bene lo abbiamo fatto immaginando di poter creare uno spazio comune e aperto in grado di offrire al territorio opportunità sociali ed economiche, di favorire il recupero del concetto di 'comunità' con l'obiettivo di promuovere cultura, arte, socialità, pratiche di cooperazione e solidarietà, sostenere esempi concreti di un modello di sviluppo alternativo, solidale partecipativo e libero dalle mafie".  

Per Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud – "L'inaugurazione di oggi conferma che gli effetti delle iniziative lanciate in questi ultimi tempi a Palermo sono molto forti ed è fantastico il coinvolgimento dei giovani nella riqualificazione dei beni culturali. È nostro dovere rafforzare l'identità territoriale, affermare la legalità, nonostante le enormi difficoltà di varia natura che ci stanno dietro, e la valorizzazione di questo bene confiscato alla mafia vuole esserne un valido esempio. Dobbiamo essere orgogliosi della nostra città, sempre".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento