Sabato, 20 Luglio 2024
Attività produttive / Palazzo Reale-Monte di pietà / Piazza del Carmine

Mercato al coperto di Ballarò, l'assessore: "Bando presto ripubblicato con più fondi e novità"

L'avviso era stato congelato in attesa di "approfondimenti". Forzinetti: "Reperite altre somme extracomunali, possibili anche altre modifiche e il coinvolgimento di più operatori". Ma il consigliere Castiglia attacca: "L'amministrazione perde tempo"

Nel primo bando contenuto in una determina pubblicata alla fine dell'anno scorso sull'albo pretorio del Comune la scadenza per l'invio delle domande era fissata al 28 febbraio 2023. Ma successivamente quell'avviso è stato congelato su richiesta degli assessori Giuliano Forzinetti (Attività produttive) e Rosi Pennino (Assistenza sociale) che hanno chiesto degli "approfondimenti". Così quella che sembrava un'accelerata decisiva verso la nascita del mercato al coperto di Ballarò e la messa in regola di una quarantina di venditori storici si è trasformata in una battuta d'arresto. Adesso però gli "approfondimenti" sarebbero quasi al termine e "nei prossimi giorni - assicura l'assessore Forzinetti - il bando sarà ripubblicato con alcune novità, fra cui anche una maggiore disponibilità di fondi".

Nel precedente avviso le somme a disposizione erano 215 mila euro da suddividere in importi dall'entità diversa, a seconda delle spese da affrontare per insediarsi in uno dei 41 stand di piazza del Carmine, in corso di realizzazione da parte di un'impresa per conto di Iacp. A detta dell'assessore "grazie agli approfondimenti disposti anche col capo area della Programmazione dei fondi extracomunali, Giuseppe Sacco, è stato possibile reperire altre somme". Altre modifiche potrebbero riguardare la platea dei beneficiari. "Stiamo valutando di estenderla per evitare una concorrenza sleale all'interno del territorio", aggiunge Forzinetti.

L'assessore che nel corso di queste settimane sul tema del mercato al coperto si è confrontato coi presidenti delle commissioni Attività produttive, Ottavio Zacco, e Igiene e sanità, Salvatore Imperiale, e col presidente della prima circoscrizione, Giovanni Bronte, oltre che una rappresentanza dei mercatari anticipa inoltre che "non è escluso qualche ritocco all'interno degli stand, non è detto per esempio che il bar rimanga".

In attesa del bando, intanto a breve riprenderanno anche i lavori per il completamento del mercato al coperto grande, quello che conterrà 33 stalli. In quello piccolo, già pronto, sono invece 8 gli stand a disposizione. "Entro 2-3 mesi l'opera sarà completata", afferma Massimo Castiglia, ex presidente e attuale consigliere della prima circoscrizione che, attraverso l'assemblea di quartiere Sos Ballarò e l'associazione Mercato Storico Ballarò, da anni lavora al progetto per dare la possibilità ai venditori di mettersi in regola. "In questi giorni si doveva chiudere l'avviso pubblico e iniziare con le procedure di selezione e assegnazione e siamo ancora qui ad aspettare di capire cosa vuole fare l'amministrazione in carica", attacca Castiglia. Il consigliere inoltre annuncia che "inviterò l'assessore a partecipare a una seduta del consiglio di prima circoscrizione che molto ha fatto in termini di ascolto, mediazione e sollecito sulla ideazione e costruzione dei mercati coperti e della scrittura di un regolamento che tutelasse i mercatari storici di Ballarò".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato al coperto di Ballarò, l'assessore: "Bando presto ripubblicato con più fondi e novità"
PalermoToday è in caricamento