menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'omicidio

Il luogo dell'omicidio

Uccisa in casa a Bagheria, l'omicidio dopo una lite: in stato di fermo il vicino

Dopo aver ascoltato vari testimoni i carabinieri hanno portato in caserma Tony Lanza, 35enne con problemi psichici, per interrogarlo. Lui ha negato le accuse. Giuseppina Orobello è stata trovata in una pozza di sangue dalla figlia del convivente

Tony Lanza, 35enne affetto da un ritardo mentale, da ieri sera è in stato di fermo. L'uomo è il principale sospettato dell'omicidio di Giuseppina Orobello, la settantunenne trovata ieri mattina senza vita nella sua abitazione di Bagheria. Lanza, vicino di casa della vittima, potrebbe aver commesso il gesto estremo dopo una lite nata per questioni condominiali.

Il 35enne, che già in passato ha avuto qualche accesa discussione con la donna, è stato portato in caserma per essere interrogato e chiarire alcune circostanze che lo riguarderebbero e fermato alla fine di un lunghissimo interrogatorio. L'uomo ha negato le accuse, ma contro di lui ci sarebbe la testimonianza di un vicino che lo avrebbe visto uscire dalla casa. Sul luogo del delitto non è stata trovata alcuna arma. 

A scoprire il cadavere della donna è stata la figlia del convivente che ieri mattina ha aperto la porta di casa con le sue chiavi e ha visto nel soggiorno il cadavere della donna in una pozza di sangue. La donna ha telefonato intorno alle 10.10 alla centrale operativa della compagnia dei carabinieri per chiedere un loro intervento. Il convivente si trovava nell'appartamento al momento del delitto, ma non ha potuto reagire: si tratta infatti di un disabile costretto a restare a letto in stato di incoscienza.

I militari hanno avviato immediatamente le indagini con il supporto della sezione Scientifica del comando provinciale di Palermo, ascoltando vari testimoni e vicini ed effettuando i rilievi nelll'appartamento. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Procura di Termini Imerese Paolo Napolitano hanno accertato che il decesso potrebbe risalire alla sera del 24 aprile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento