Rapine in negozi di intimo e telefonia, giovane riconosciuto da una commessa: arrestato

I colpi tra il 28 febbraio e il 7 marzo, in viale Strasburgo, via Leonardo da Vinci e via Sciuti. Per i "Falchi" della Squadra Mobile, tra l'analisi dei video e altri indizi, sarebbe un ragazzo di 24 anni

(foto archivio)

Due rapine in un negozio di intimo di viale Strasburgo (una delle quali tentate) e due in altrettanti negozi di telefonia, uno in via Leonardo da Vinci e l'altro in via Sciuti. La polizia ha arrestato e messo ai domiciliari un 24enne, D.A., in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare con l’applicazione del braccialetto elettronico. Il giovane è accusato di essere l’autore di quattro colpi avvenuti tra il 28 febbraio e il 7 marzo scorsi. Il bottino complessivo ammonta a circa 2.600 euro in contanti e 25 smartphone.

Le indagini sono state condotte dai "Falchi" della sezione Contrasto al crimine diffuso della Squadra Mobile. "Le rapine consumate in un ristretto arco temporale - spiegano dalla Questura - sono apparse attribuibili verosimilmente alla stessa persona per fattezze fisiche e modus operandi dell’autore. L’acquisizione dei filmati registrati dai sistemi di videosorveglianza presi e le descrizioni fornite dalle vittime hanno consentito agli investigatori di ‘scremare’ i sospettati fino a ritenere di pervenire all’identità del colpevole".

Si trattava di un giovane dalla corporatura normale, alto un metro e settanta, che agiva sempre allo stesso modo: "Giungeva in prossimità dei negozi da rapinare a bordo di un motociclo, faceva ingresso all’interno dei locali travisato e indossando un casco e, dopo aver minacciato i presenti anche facendo intendere di essere armato, si impossessava di denaro e smartphone per poi fuggire facendo perdere le proprie tracce", aggiungono dalla Questura. La svolta dopo la rapina tentata il 4 marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In quella circostanza - concludono dalla Questura - il giovane fuggito a bordo di motociclo sarebbe stato rintracciato e bloccato, subito dopo, da una pattuglia delle volanti. Il malvivente fu riconosciuto dalla vittima, non solo quale autore della rapina tentata poco prima ma anche quale autore della rapina consumata il 28 febbraio". Gli approfondimenti investigativi effettuati successivamente dai poliziotti della Squadra Mobile hanno quindi permesso di attribuire al 24enne la responsabilità degli altri due colpi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento