Cronaca Zen

Zen, coltiva serra di marijuana a pochi passi dalla caserma: arrestato

In manette un 52enne al quale sono state sequestrate 130 piante di cannabis. Contestato anche il furto di energia elettrica. L'arresto è stato convalidato ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari

Da qualche mese, per tirare avanti, aveva cominciato a coltivare marijuana nel suo scantinato allo Zen 2, a pochi passi dalla caserma dei carabinieri. In manette è finito il 52enne F.C., al quale sono state sequestrate 130 piante di marijuana. Oltre alla detenzione ai fini di spaccio è accusato del reato di furto d’energia: per alimentare la sua piantagione, infatti, aveva collegato ventole, lampade alogene e tutto il resto delle apparecchiature alla rete pubblica.

L’episodio martedì mattina quando i militari sono andati nella casa in cui viveva con la zia. Il 52enne, scapolo e senza figli, lavorava in un’impresa di pulizie, prima di essere licenziato ed essere costretto a vendere la macchina per affrontare le spese quotidiane. “E’ disperato - spiegano a PalermoToday gli avvocati Marco Porterà e Benedetto Zanghì - per le sue condizioni disastrate. Durante l’interrogatorio di garanzia ha ammesso le proprie responsabilità e si è pentito".

Nella stessa udienza il giudice Alessia Geraci ha convalidato l’arresto disponendo per F.C. la misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del processo. I carabinieri qualche giorno prima hanno scovato un’altra piantagione in un deposito sotterraneo dello Zen 2 cui si accedeva da un cunicolo. Sotto sequestro 35 piante, 800 grammi, un chilo e mezzo di hashish e 5 grammi di cocaina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zen, coltiva serra di marijuana a pochi passi dalla caserma: arrestato

PalermoToday è in caricamento