Più di 150 furti in 4 mesi a Bellolampo, il gasolio della Rap rivenduto a un euro al litro

A far scattare l'inchiesta dei carabinieri è stata la denuncia di un dipendente della Ksm in servizio nella discarica. Alcuni degli indagati erano già stati arrestati a giugno 2018 e, secondo le stime dell'azienda, da quel momento in un mese e mezzo sarebbero stati improvvisamente risparmiati 20 mila litri di carburante

I carabinieri davanti alla discarica di Bellolampo

L'inchiesta sui presunti furti di carburante all'interno della discarica di Bellolampo è partita il 12 ottobre del 2017, dopo la denuncia di un vigilante della Ksm in servizio nell'impianto gestito dalla Rap. Sarebbe stato lui, quindi, ad accorgersi per primo degli strani movimenti della banda sgominata questa mattina dai carabinieri. Da lì, piazzando alcune telecamere nei punti giusti, i militari, guidati dal maggiore Andrea Senes, sono riusciti a documentare oltre 150 furti nell'arco di poco più di 4 mesi, dal 29 gennaio al 6 giugno del 2018. Un numero esorbitante.

Gli indagati del blitz "Beautiful Flash", coordinato dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Enrico Bologna, infatti, si sarebbero dati un gran da fare, arrivando a commettere più furti di carburante nello stesso giorno. Secondo la ricostruzione dell'accusa, il gasolio sarebbe stato poi rivenduto al prezzo di 1 euro al litro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcuni dei dipendenti Rap erano peraltro già stati arrestati in flagranza il 5 giugno di due anni fa. Si tratta di Giovanni Calò, Salvatore Lullo, Marco Corona, Ciro Aurelio e Benedetto Scariano. E, come emerge dall'ordinanza firmata dal gip Giulia Malaponte, il fatto che da quel momento non avevano più avuto accesso alla discarica avrebbe avuto delle ripercussioni positive per l'ex municipalizzata: in base alla testimonianza resa dai dirigenti dell'impianto, sentiti dagli investigatori, infatti, in poco più di un mese e mezzo (cioè dal 5 giugno al 27 luglio del 2018), la Rap sarebbe riuscita a "risparmiare" ben 20 mila litri di gasolio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento