rotate-mobile
Cronaca

Progetto educativo antimafia del centro Pio La Torre, il ministro Bianchi apre la nuova edizione

Oltre 160 le scuole collegate in diretta streaming sul sito dell'associazione, 12 le carceri da Nord a Sud Italia. Tra i relatori anche Walter Veltroni, al lavoro su un documentario sul sindacalista. Il membro del governo Draghi nel suo intervento: "L’insegnamento di Pio La Torre il nostro sillabario della legalità"

“L'insegnamento di Pio La Torre è ancora fortissimo ed è parte di una sorta di 'sillabario della legalità' che deve stare alla base anche di questo straordinario sforzo che stiamo facendo tutti per uscire dalla pandemia”. A sostenerlo è il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, intervenuto alla prima conferenza del progetto educativo antimafia e antiviolenza del centro che porta il nome del sindacalista ucciso dalla mafia che quest'anno vede coinvolte, da Nord a Sud Italia, 160 scuole e 12 carceri. “Credo che questo progetto che proponiamo alle nostre scuole – ha detto il ministro Bianchi – sia un momento di riflessione per tutti. La nostra scuola ritrovata deve essere una scuola di comunità e di legalità e la legalità in Italia ha i nomi di tutti coloro che sono caduti per mano della mafia, del terrorismo e del malaffare”.

Il tema dell'incontro e gli ospiti

“Il quarantesimo anniversario della legge Rognoni-La Torre: evoluzione giuridica, politica ed economica” è stato il tema dell'incontro, trasmesso in diretta streaming sul sito dell'associazione e sul portale “Ansa Legalità& Scuola”. A parlarne, con gli studenti e il presidente dell’associazione, Vito Lo Monaco, sono stati: Antonio Balsamo, presidente del tribunale di Palermo; Franco La Torre, figlio di Pio; Vincenzo Militello, docente di diritto penale all’Università di Palermo e Walter Veltroni, politico, scrittore, giornalista e regista, al lavoro su un documentario sulla vita di Pio La Torre. Diverse le domande arrivate dagli studenti partecipanti, dall’omertà alle confische, dal rapporto tra Covid e criminalità organizzata alle collusioni tra mafia e politica. All’inizio dell’incontro, visibile sul canale youtube e sul sito del centro Pio La Torre è stato proiettato un video realizzato dai volontari del servizio civile sulla legge Rognoni–La Torre e sui beni confiscati.

“Con la legge Rognoni–La Torre – ha detto Antonio Balsamo, presidente del tribunale di Palermo – finisce la stagione delle assoluzioni per insufficienza di prove. Il primo a parlare di terrorismo mafioso era stato proprio Pio La Torre, nel 1966, cogliendo nella guerra di mafia il senso della sfida allo Stato, qualcosa che andava oltre l'associazione per delinquere. Il Covid19 ci ha resi consapevoli della fragilità di ciascuno e dell'impossibilità per ogni Stato di salvarsi da solo. La pandemia può offrire la tentazione di un welfare mafioso – ha aggiunto Balsamo – per questo va costruita un'alternativa forte, riducendo le disuguaglianze. La lotta alla mafia è una lotta di liberazione per gli individui e le comunità e credo che uno degli impegni della prossima generazione sia affrontare fenomeni criminali globali con una logica di solidarietà”. 

“C'è un radicamento delle mafie nei territori che rappresenta un problema, perché accanto alle organizzazioni criminali finanziarie e transnazionali c'è un dato che va colto per aggiornare i metodi di contrasto – ha dichiarato il docente di diritto penale Vincenzo Militello - se guardiamo alla cosiddetta “mafia dei pascoli” della zona dei Nebrodi c'è stato una sorta di mimetismo per il quale la mafia agricola si è avvalsa di forme di sovvenzione pubblica di fonte europea che le hanno consentito di sfruttare strumenti moderni e allo stesso tempo restare ancorata alle proprie radici”.

“La conoscenza è l'arma fondamentale per sconfiggere le mafie nel presente e nel prossimo futuro. Non bastano le rituali condanne della mafia nelle ricorrenze – ha detto Vito Lo Monaco – è necessaria un’azione quotidiana di prevenzione e una visione concreta per un nuovo modello di sviluppo che elimini le disuguaglianze economiche, sociali, di genere, territoriali, ambientali. Su questi temi il Centro renderà pubblici i contributi che verranno dagli studenti con scritti, video, ricerche per renderli cittadini consapevoli ai quali consegnare il testimone per liberarci da ogni forma di sopraffazione e d’ingiustizia”.

“Mi auguro che nelle scuole gli insegnanti aiutino gli studenti ad arrivare a leggere e capire la storia del Novecento, ad avere dentro di sé gli anticorpi per evitare che le grandi tragedie del 900, tra cui la mafia, si ripetano – ha detto il regista Walter Veltroni - Questa generazione ha nelle sue mani una possibilità di comunicare che nessun'altra prima ha mai avuto. Noi potevamo andare a vedere i film contro la mafia, da “Il sasso in bocca” di Giuseppe Ferrara ai film di Franco Rosi, ma non potevamo fare dei film contro la mafia o scrivere delle cose che circolassero. Questa generazione ha una quantità di strumenti di comunicazione che non ha paragone con la storia umana. La cosa che si può e che le scuole potrebbero contribuire a fare è esprimere questa coscienza nella forma con la quale i ragazzi oggi comunicano. La mafia si alimenta di un collasso culturale, civile, etico, per cui tutto ciò che può rafforzare le dighe di questo collasso è utile. Ai ragazzi dico: fate quello che abitualmente fate con un intento civile, per suscitare rabbia, indignazione, speranza, attorno a un tema come la mafia che ha segnato il destino del nostro Paese”.

“Mio padre è nato e cresciuto un ambiente intriso di mafiosità, in una contrada di Palermo dove i grandi proprietari terrieri davano ai residenti contadini, poveri, l'unico lavoro possibile – ha detto Franco La Torre, figlio di Pio, nel corso del suo intervento – e il tramite di collocamento erano i mafiosi stessi. Non ne parlavamo nelle nostre conversazioni quotidiane, ma noi familiari eravamo consapevoli del rischio che correva. C'è stato un momento, però, che ricordo: ed è stato quando mio padre aveva deciso, come tutti i suoi collaboratori negli organi dirigenti nel Pci siciliano, di dotarsi del porto d'armi e di prendere una pistola. Conoscendo i suoi limiti nel maneggiare attrezzi come martelli e forbici lo abbiamo preso in giro e infatti quella pistola non è mai uscita dal cassetto del comodino della camera da letto. Detto questo, non si è mai pronti all'idea che un familiare possa lasciarci. Ancora oggi ho difficoltà a ricostruire le 48 ore successive all'omicidio di mio padre”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto educativo antimafia del centro Pio La Torre, il ministro Bianchi apre la nuova edizione

PalermoToday è in caricamento