Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Roma boccia la Finanziaria regionale: stop alle assunzioni dei Pip

Il Consiglio dei ministri, presieduto da Giuseppe Conte, ha impugnato una ventina di norme della legge Finanziaria varata lo scorso aprile. Bocciate anche le promozioni interne le norme relative ai prepensionamenti dei regionali

L'Ars

Grane in vista per il governo regionale. Il Consiglio dei ministri, presieduto da Giuseppe Conte, ha impugnato una ventina di norme della legge Finanziaria varata dall'Ars lo scorso aprile.

"Varie norme -  si legge nella nota di Palazzo Chigi - eccedono dalle competenze statutarie e violano principi costituzionali. Infatti: alcune norme in materia di assunzioni e di collocamento in quiescenza del personale regionale invadono la competenza legislativa esclusiva statale in materia di ordinamento civile e in materia di previdenza sociale. Altre norme riguardanti la spesa sanitaria contrastano con i principi fondamentali riservati al legislatore statale in materia di 'tutela della salute' e di 'coordinamento della finanza pubblica', ledendo altresiìi livelli essenziali delle prestazioni. Altre norme ancora, incidendo sulle autorizzazioni per gli impianti eolici e fotovoltaici e sulle modalità di svolgimento e i criteri di partecipazione alle gare per l'affidamento della gestione del servizio di distribuzione del gas naturale, nonchè sulle concessioni per i beni demaniali marittimi, contrastano rispettivamente con il principio di libertà di iniziativa economica all'articolo 41 della Costituzione, nonchè con il principio di tutela della concorrenza previsto dall'articolo 117. Ulteriori norme infine in materia, tra l'altro, di edilizia e di previdenza violano l'articolo 81, terzo comma, della Costituzione, risultando prive della necessaria copertura finanziaria".

In altre parole significa che Roma ha bocciato le norme che consentivano una serie di assunzioni nelle società partecipate, a partire dalla stabilizzazione del bacino dei circa tremila Pip. Stop anche alle promozioni interne e alle norme sui prepensionamenti dei regionali. Impugnati anche ai contributi a pioggia erogati tramite la revisione dei fondi del Patto di azione e coesione (Pac).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma boccia la Finanziaria regionale: stop alle assunzioni dei Pip

PalermoToday è in caricamento