Manutenzione strade al palo e contratto di servizio da rivedere: Rap in ansia per i conti

La società, che dovrebbe ripristinare 400 mila metri quadrati ogni anno, finora non ne ha fatto nemmeno la metà. Zacco: "Servizio in house ad altra azienda o ai privati". Il bilancio 2016 chiude con un utile, ma nel primo semestre 2018 è in perdita di 6,3 milioni

La Rap al lavoro in corso Vittorio Emanuele

Quando si è insediato alla Rap, il presidente Giuseppe Norata lo ha detto a chiare note: la manutenzione stradale dovrebbe essere tolta dal contratto di servizio. Fintanto che c'è, però, l'azienda è tenuta a farla. A quasi due mesi dalla fine dell'anno, la Rap non è neanche alla metà di quanto messo nero su bianco nel contratto di servizio. A nei primi sei mesi del 2018 si è fermata ad appena 74 mila metri quadrati, oggi non raggiunge i 100mila. Con un trend in calo rispetto al 2016 (133.707 metri quadri) e al 2017 (139.523 metri quadri). 

Il punto è che non ci sono operai a sufficienza. E con l'avvio della seconda fase del "porta a porta" sono pure diminuiti: 103 addetti, infatti, sono stati spostati dalla manutenzione stradale alla raccolta differenziata. "In questi anni, la Rap ha svuotato sempre di più il settore manutenzione per trasferire il personale alla raccolta. L'azienda oggi si è ridotta con due sole squadre per una città come Palermo: ciò non è più tollerabile". A dirlo è il consigliere comunale, Ottavio Zacco (Sicilia Futura), che ha presentato un'interrogazione finalizzata a conoscere i dati del servizio e i criteri utilizzati per stabilire la priorità di un intervento rispetto ad un altro.

"Non si può continuare a gestire così uno dei servizi strategici per la vivibilità e la sicurezza di una città" aggiunge Zacco, secondo cui "la manutenzione stradale deve essere una delle priorità del progetto politico: per questo ho chiesto al sindaco di togliere la manutenzione dal contratto di servizio della Rap e valutare se ci siano le condizioni per mantenere il servizio interno o eventualmente esternalizzarlo". Zacco ha anche chiesto "maggiori controlli per le imprese che gestiscono i sottoservizi, al fine di controllare che il ripristino del manto stradale sia realizzato a regola d'arte".

L'inadempienza rispetto al contratto di servizio comporta anche una perdita di denaro per la Rap, che viene pagata a prestazione. Se quindi il servizio non viene svolto, non potrà essere emessa fattura e quindi il Comune non pagherà. La manutenzione delle strade, ridotte in molte zone della città a vero e prprio colabrodo, sarà al centro del nuovo contratto di servizio che la Rap concorderà con il socio unico Comune. Il sindaco Orlando è notoriamente un sostenitore dei servizi pubblici. Nella sua maggioranza adesso c'è chi, come il consigliere Zacco, apre anche ai privati. Norata non ha parlato espressamente di privati, ma della manutenzione stradale come servizio che non rappresenta il core-business dell'azienda (che si occupa di rifiuti). Il contratto di servizio, ricordiamo, lo delibera il Consiglio comunale. Insomma, la discussione è aperta.

Intanto, la commissione consiliare Bilancio ha preso in esame il bilancio 2016 della Rap. Il documento economico-finanziario, validato dal collegio sindacale e da una società esterna di revisione, riporta un risultato positivo di 19.818 euro. Nel documento, approvato dalla Rap qualche settimana fa, è stata "calata" una transazione per azzerare così i disallineamenti. In sostanza, sono state eliminate dal bilancio disallineamenti per 5,2 milioni, attraverso il fondo di svalutazione crediti. "C'è un utile conseguito malgrado gli sforzi fatti per eliminare i disallineamenti. Va dato merito va all’amministratore unico, Giuseppe Norata, di essere riuscito in pochissimo tempo a imprimere una svolta alla Rap, dando un segnale positivo anche per il futuro. Il Comune adesso è chiamato a fare la sua parte, rivedendo i contratti di servizio e avviando una seria riflessione sui servizi" così il consigliere Dario Chinnici (Pd), che parla di "crisi evitata".

Il tema in realtà è solo rinviato perché, com'è noto, da gennaio a giugno la Rap ha fatto registrare una perdita di 6,3 milioni di euro. Numeri che tengono in ansia la società di piazzetta Cairoli. "Il fatto che la Rap e il Comune abbiano trovato una soluzione che ha consentito di eliminare le discrepanze su debiti e crediti - sottolinea Tony Sala, capogruppo di Palermo 2022 - pone le premesse per una gestione più attenta dell’azienda, che unisca gli equilibri economici ai servizi da garantire alla città".

Critiche le opposizioni. "Preoccupa la gestione 2018 di Rap che registra una perdita di circa un milione al mese - afferma il leader dei Coraggiosi Fabrizio Ferrandelli - Se sottraiamo anche le somme stralciate gli anni precedenti, l’azienda rischia seriamente".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • "il sindaco è notoriamente sostenitore dei servizi pubblici"...ollando non si preoccupa minimamente di verificare se quanto deve essere fatto lo è, città allo sfascio e lui balla e fa passerelle

  • Avatar anonimo di Dario
    Dario

    [ continuo ..ho confermato per sbaglio ] a ccumularla tutta insieme come non differenziata e poi, nelle discariche per poi, trasportarli perché troppa in una sola discarica, si corrompono gente per sbarazzarsene attraverso discariche abusive magari, oppure guadagnare nel lavoro con gli escavatori da parte degli operatori che in questo caso, dopo avergli dato fuoco, lavorano di lavoro straordinario lavoro pagato bene per far ritornare presto la città nelle condizioni ordinarie, tutto sodi dei cittadini verso l'ecomafia, per me va così la storia ed è da stupidi non controllare forzatamente magari escavatori per esempio per sapere dove lavorano, almeno quelli che lavorano illegalmente tramite una localizzazione GPS si potrebbero localizzare e osservare dall'alto. A me da fastidio tutto questo, perché questo ramo criminale farà guadagnare l'ecomafia ma voglio far notare tutti che si fa male di male di salute tutto questo, nessuna immondizia non correttamente smaltita ritorna, e il mondo va sempre a crescere di numero con conseguente aumento dell'immondizia e spese per vivere nella pulizia e nella salute delle persone ma anche del pianeta, se volete morire di cattiva salute soffrendo come bestie agonizzanti allora continuate, tanto la natura il conto lo presenta a tutti, legali e criminali, e quando non potremo pagare col dolore pagheremo con l'estinzione.

    • Avatar anonimo di Dario
      Dario

      ...del fatto che la rap per il ritiro dell'immondizia ingombrante vorrei dire solo che è per questo che tanta gente forse la birra li senza chiamare per questo servizio perché ormai già lo sanno non fanno niente e di certo l'immondizia a casa non possono tenersela... per quanto riguarda i cassonetti gialli nel sito della rap c'e scritto che nel cassonetto giallo va solo la plastica, il metallo va insieme al vetro in quello alto verde.

      • Avatar anonimo di Dario
        Dario

        la butta li, scusatemi... È proprio uno na munizza culmminato tutto sto commento in sintesi, comunque è ovvio che l'accumulo comporta per l'ecomafia soldi per i trasporti, soldi straordinari per chi usa escavatori dopo che si sia dato fuoco alle masse di immondizia, e ovviamente sovraffolla le discariche ma i soldi straordinari e soldi in eccesso sono soldi legati alla comunità per fare lavoro che non dovrebbe esserci in popoli onesti, infondo il crimine organizzato vuole soldi, ma vuole anche lavoro perché non si campa solo di guadagno completamente illecito, rubato, anche favorendo il lavoro si aiutano gli amici e si fa cassa con i debiti che si trasformeranno in favori o denaro per il crimine, per me è tutto molto cristallino e collegato.

    • Avatar anonimo di Dario
      Dario

      [ mi sono sbagliato, si era solo cancellato ] nella prima parte parlavo solo della -non funzionalità da parte della rap di portarsi via, su richiesta, di scarti voluminosi e, facevo notare quanto questo potrebbe... essere legato alla ecomafia dato che più immondizia ovunque si accumula più lavoro c'e, da fare, immondizia da far sparire, chiedevo poi, e se si dovessero scartare rifiuti teologici li buttiamo nell'umido? Poi, parlavo ( e da dopo questo discorso incomincia il commento sto commentando.. ) che in alcuni cassonetti della plastica qualcuno ha scritto sotto, fatto davvero bene come se fosse una scritto per il pubblico da parte del comune, che in quei cassonetti va gettato la plastica ma anche il metallo, e dicevo... magari è un modo per accumulare tutto, tutto insieme per poi poter dire che era immondizia mista, malamente differenziata, per i fini poi di cui parlerò li..

      • Chiamate il 118!

  • Le mie sospensioni sono andate a putt...altro che rap

  • Avatar anonimo di Dario
    Dario

    La rap non farà mai niente di buono, è spesso restio. Io vorrei proprio capire con quale sicurezza si firmano uscire di denaro pubblico se poi succede tutto questo...

  • E nel frattempo la città sprofonda nel buio più totale, tra allagamenti, asfalto malridotto, erbacce, e pattume.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caos all'ospedale Ingrassia, paziente muore e familiari aggrediscono cardiologo

  • Politica

    "In discarica anche i rifiuti differenziati? Falsità", sopralluogo di Catania a Bellolampo

  • Sport

    Non solo famiglie, ma anche anziani e disabili: in 25 mila per StraPalermo e StraPapà

  • Cronaca

    Incendiata auto ad attivista di Libera, Don Ciotti: "Una sfida per tutti noi"

I più letti della settimana

  • Tragedia al Villaggio, ragazza si suicida lanciandosi dal balcone

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

  • Scoperta loggia supersegreta, ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • "Imprenditore vicino ai boss": sequestro da 7 milioni, c'è anche il Bar Splendore

  • Papà non legge messaggio sul gruppo Whatsapp, bimbo di 8 anni escluso dalla gita

Torna su
PalermoToday è in caricamento