rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Eventi Malaspina

"Dillo con una canzone" libera la musica al Malaspina

Il progetto dell’associazione Rock10elode ritorna per offrire ai minori detenuti spazi e tempi per coltivare le proprie attitudini artistiche e comunicative

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Per liberare le emozioni dei giovani detenuti all’Istituto Penale per i Minori di Palermo attraverso la musica, arriva Dillo con una canzone, il progetto finanziato dalla Fondazione Alta Mane e promosso dall’associazione Rock10elode, al termine del quale i ragazzi avranno scritto un brano tutto loro, sulla scia di Fiori dal nulla (il cui video è disponibile all’indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=w8ns3zaSyTs), risultato del progetto avviato lo scorso anno, Musica in libertà. A fare da “guide” in questo percorso sono i musicisti Giuseppe “Jaka” Giacalone e Claudio Terzo, dei Tre Terzi. Gli incontri sono partiti giovedì 7 ottobre, a cadenza settimanale. La formula adottata è quella dello “spazio aperto”, durante il quale condividere testimonianze personali sugli argomenti trattati e scrivere testi su composizioni fornite dai musicisti.

Gli esperti saranno affiancati dalla psicologa Ornella Longo, oltre che dagli operatori dell’Istituto Penale, ed in particolare dai funzionari della professionalità pedagogica, Annalisa Arcoleo e Dario Caggia. «Nel percorso di riabilitazione è a nostro avviso importantissimo stimolare verso il bello – spiega Gianni Zichichi, presidente dell’associazione Rock10elode e ideatore del progetto – . Questi ragazzi hanno una sensibilità creativa che, una volta incanalata, può offrire loro la possibilità di esprimere in maniera semplice, libera e gioiosa, attitudini artistiche e comunicative».

"E' importante sostenere e promuovere progetti che stimolino i ragazzi alla creatività – dichiara Clara Pangaro, direttrice dell’istituto – e alla costruzione condivisa. Ricordiamo che nella musica e nelle canzoni i giovani ritrovano un linguaggio universale, in cui si riconoscono e attraverso cui possono esprimere e dare voce alle loro inquietudini, stati d’animo, esperienze ed emozioni. Attraverso le canzoni i giovani riescono a comunicare aspetti del loro mondo interiore che con altri canali risultano difficilmente accessibili, e le canzoni diventano un mezzo per dare corpo ai desideri, alle speranze e alle aspirazioni. Il progetto Dillo con una canzone vuole costituire per i ragazzi ospiti dell’Istituto Penale per i Minori di Palermo un’opportunità per immergersi in un mondo di suoni e parole, sperimentare una dimensione in cui potersi raccontare e magari trovare il proprio “ritmo” per dare un nuovo impulso alla loro vita".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dillo con una canzone" libera la musica al Malaspina

PalermoToday è in caricamento