Petralia Soprana, Consiglio approva regolamento: incentivi per chi apre un'attività in centro 

Prevede un contributo di 5 mila euro e l’abbattimento delle tasse comunali per i primi tre anni. Entro la fine dell'anno la pubblicazione del bando. Il presidente del consiglio Leo Agnello: "Auspichiamo di finanziare almeno un'istanza nel 2019 e di continuare negli anni a seguire"

Il palazzo comunale di Petralia Soprana

Il rilancio del centro storico passa anche dall’apertura di nuove attività commerciali. Una scommessa nella quale crede l’amministrazione comunale guidata da Pietro Macaluso e i consiglieri comunali di maggioranza e minoranza che hanno approvato all’unanimità il regolamento per la concessione di contributi per l’apertura di nuove attività commerciali e artigianali nel centro storico di Petralia Soprana. Una opportunità per i cittadini e un modo per migliorare l’offerta turistica del Borgo più bello d’Italia.

“Oggi Petralia Soprana – ha detto il sindaco Pietro Macaluso – è al centro dell’attenzione e continuerà a esserlo; per tale ragione ci sforziamo giornalmente di creare opportunità per i nostri concittadini e allo stesso tempo di offrire il massimo e il meglio a coloro che vengono a trovarci. In questa ottica non ci tiriamo indietro neanche difronte a idee impegnative per l’amministrazione ma che possono essere da stimolo a investire nel paese. In questo senso abbiamo pensato di incentivare i giovani dando loro un contributo di avviamento per la nascita di nuove attività commerciali”.

Il regolamento approvato dal Consiglio comunale è propedeutico alla pubblicazione del bando che, come auspicato dal capogruppo della minoranza Francesco Gennaro, dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno. Il contributo da erogare a chi sceglie di aprire una attività commerciale al dettaglio o artigianale nel centro storico, o di subentrare in essa, è di cinquemila euro. A questo va aggiunto, per i primi 3 anni di attività, l’abbattimento al 50% dei tributi locali come la Tari, la pubblicità, in canone idrico e la Tosap.

Per la scelta dei beneficiari è stata anche predisposta una tabella di valutazione con criteri oggettivi in modo da non lasciare nulla al caso. Naturalmente all’interessato sarà chiesto un progetto aziendale mentre l’erogazione del contributo avverrà secondo precise modalità a stato di avanzamento dei lavori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatto il presidente del consiglio Leo Agnello: "Questo importante regolamento è frutto di un lavoro preparatorio che ci ha visti tutti impegnati, in sinergia con il sindaco, con la collaborazione del segretario comunale e dell'ufficio preposto che ringrazio. Una iniziativa che è stata condivisa da tutti i gruppi consiliari, prima in commissione e poi in consiglio, che è stata approvata unanimità. Auspichiamo – conclude - di finanziare almeno una istanza entro l’anno e continuare negli anni a seguire con la collaborazione di tutti. Voglio ringraziare tutto il Consiglio che ha approvato all’unanimità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento