Cambiano le regole per l'uso dell'oro vecchio: incontro Federprezioni e Assorafi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nuova tappa a Palermo nella sede di Confcommercio del roadshow di Federpreziosi Confommercio organizzato in collaborazione di Assorafi. Finora una quarantina di incontri in altrettante città italiane avviati all’indomani dell’introduzione delle nuove norme e disposizioni relative alla compravendita di oggetti preziosi usati previste dal decreto  92/2017 entrato in vigore lo scorso 5 luglio 2017.

Per parlare di “Preziosi usati, che fare? Cosa cambia con la nuova normativa” sono intervenuti alla tappa palermitana, oltre a diversi operatori del settore, anche Silvano Barraja, presidente Assorafi Palermo, Salvatore Ciulla, vicepresidente Assorafi Palermo, Steven Tranquilli, direttore Federpreziosi Confcommercio, il tenente colonnello Alessandro Coscarelli della Guardia di Finanza e il vicequestore aggiunto della polizia di Stato Rosalba Zavaglia. 

Una imperdibile opportunità non solo per parlare dei cambiamenti imposti alla categoria, ma per valutare e approfondire “in diretta”, con il coinvolgimento degli operatori del settore presenti, i molti, troppi dubbi che sono sorti per l’applicazione della normativa, non da ultimo l’istituzione del Registro degli Operatori Compro Oro al quale anche i gioiellieri sono tenuti a iscriversi e di cui è già iniziata la prima fase della procedura di registrazione; dubbi per i quali si cerca di fornire una risposta anche a seguito degli incontri con il dipartimento del Tesoro – ministero dell’Economia e delle finanze e con l’Oam – Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi.

"La presenza del direttore nazionale Steven Tranquilli a Palermo – hanno affermato Silvano Barraja e Salvatore Ciulla - è stata fondamentale non soltanto per il livello qualitativo delle informazioni che ci ha trasmesso ma anche per far sentire la vicinanza della Federazione nazionale ai nostri associati. E’ stato un momento importante per mettere a confronto le singole esperienze e per meglio definire i quesiti da sottoporre all’attenzione delle istituzioni, con l’obiettivo di ottenere indicazioni certe, anche perché un ampio coinvolgimento della categoria è determinante per rendere puntuali ed incisivi gli interventi a favore del settore”, hanno concluso Silvano Barraja  e Salvatore Ciulla di Assorafi Confcommercio Palermo. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento