Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Garraffello

Non può allontanarsi da casa, ma avvia pub abusivo alla Vucciria: denunciato

E' di oltre 41 mila euro di multe il bilancio complessivo dei controlli notturni effettuati nei locali della Vucciria da polizia, carabinieri e guardia di finanza. Nei guai un pregiudicato palermitano di 54 anni

E' di oltre 41 mila euro di multe il bilancio dei controlli notturni svolti nei locali della Vucciria. Un massiccio intervento in una delle zone più calde della movida cittadina. In azione gli agenti della divisione polizia amministrativa e sociale della questura, il personale del commissariato Oreto-Stazione, gli uomini del Reparto Mobile, i carabinieri, guardia di finanza e Asp.

Il blitz è scattato nell'area che va da piazza Garraffello alla via Cassari. Numerosi gli illeciti contestati e sanzionati, anche di natura penale. E' il caso infatti di un pregiudicato palermitano, Carlo Mazzè, 54 anni. "L'uomo, denunciato per inosservanza di un’ordinanza del Tribunale che gli imponeva di non allontanarsi dalla sua abitazione per il reato di resistenza a pubblico ufficiale - dicono dalla questura - aveva avviato un’attività abusiva di somministrazione di alimenti e bevande priva di ogni tipo di autorizzazione. Tutta l’attrezzatura è stata posta sotto sequestro e sono stati contestati diversi illeciti amministrativi".

Nel corso dei controlli sono state fatte verifiche su sette attività commerciali, ai cui titolari sono state contestate le seguenti violazioni amministrative: quattro per occupazione abusiva di suolo pubblico, tre per installazione abusive di tende da sole, due per mancanza di Scia comunale e sanitaria, una per mancato ampliamento della Scia sanitaria per la somministrazione all’esterno, una per impianto pubblicitario non conforme, tre infine per mancanza di revisione del registratore di cassa. Due attività per la somministrazione di alimenti e bevande sono state poste sotto sequestro amministrativo. Complessivamente sono state elevate sanzioni per un valore di 41.435 euro.

"Il maxi intervento - dicono dalla polizia - rientra nell'ambito dei controlli coordinati dalla questura finalizzati al contrasto dell’abusivismo commerciale, del disturbo della quiete pubblica e di tutte le altre forme di illeciti che rappresentano la deriva della “movida”. Il piano d’intervento ha visto schierata in campo una forza eterogenea".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non può allontanarsi da casa, ma avvia pub abusivo alla Vucciria: denunciato

PalermoToday è in caricamento