Cronaca Oreto-Stazione / Via Giuseppe Bennici

Danneggia un monopattino, arrivano i poliziotti e li aggredisce con un seghetto: arrestato

E' successo in via Bennici, vicino piazza Scaffa. Protagonista un extracomunitario che è stato bloccato con fatica. Gli agenti feriti invece sono stati soccorsi dal 118 e portati in ospedale

Foto di Francesco Irosa

Stava cercando di smontare un monopattino in mezzo alla strada e quando sono intervenuti i poliziotti li ha aggrediti colpendoli con un seghetto di 30 centimetri. Un extracomunitario è stato arrestato nel primo pomeriggio in via Giuseppe Bennici, vicino Piazza Scaffa, dopo essersi scagliato contro due uomini in divisa. Gli agenti, che hanno riportato diverse ferite, sono stati affidati alle cure dei sanitari del 118 e poi portati in ospedale.

Secondo una prima ricostruzione alcuni residenti hanno chiamato il numero unico di emergenza 112 segnalando un tizio che stava armeggiando su un mezzo a due ruote del circuito sharing comunale. Pochi minuti dopo sono intervenute le prime volanti. Gli agenti hanno trovato un uomo stava cercando di aprire un monopattino, forse per ricavarne materiali da rivendere o per strappare via il sistema gps.

A quel punto l’uomo, del quale non sono state fornite le generalità, ha impugnato un seghetto e ha cominciato a colpire il personale dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico. Mentre cercavano di immobilizzarlo l'extracomunitario avrebbe anche morso gli agenti alle braccia, all'addome e al collo.

All’arrivo dei rinforzi l’aggressore è stato bloccato e portato in commissariato per accertamenti. I due feriti invece, che hanno riportato diversi tagli, sono stati accompagnati in ospedale per essere medicati. I medici non hanno ancora stabilito la prognosi ma le loro condizioni non desterebbero preoccupazioni.

"È l'ennesimo segnale - dice Francesco Quattrocchi, segretario provinciale generale del Siulp - di un forte degrado sociale e senso di insofferenza civica che riguarda purtroppo fasce di territorio cittadino sempre più vaste, trasformate in zone periferiche oramai abbandonate a se stesse e al cui presidio di legalità restano solo le forze dell’ordine che da sole non possono fare da argine a questo fenomeno sociale in veloce crescita. La movida selvaggia, l'abusivismo dilagante, la crescita urbana incontrollata e una generale percezione di  senso di impunità, sono micce mortali che rischiano di far deflagrare in peggio il sistema sicurezza anche in questa città. Che prezzo ancora dovranno pagare - conclude - le donne e gli uomini in divisa per una reale e concreta presa di posizione delle istituzioni?"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danneggia un monopattino, arrivano i poliziotti e li aggredisce con un seghetto: arrestato

PalermoToday è in caricamento