“Il mio tumore dopo le missioni”, il calvario di un militare

Lorenzo Motta, palermitano di 30 anni, racconta a PalermoToday la sua lotta contro linfoma di Hodgkin: "E la marina mi tagliò lo stipendio". Un altro caso dopo la morte del caporal maggiore Angelo Mazzola

Una portaerei della marina militare

Nadia sorride accanto a papà Lorenzo. Nadia, 5 anni ad ottobre, è la medicina miracolosa che nessun luminare avrebbe potuto prescrivere a Lorenzo Motta, 30 anni a ottobre anche lui, per combattere il terribile linfoma di Hodgkin, un tumore maligno. Una malattia che per Motta, palermitano che ora vive a Torino, “è conseguenza delle missioni militari che ho fatto all’estero tra il 2002 e il 2005”. Motta ha scritto a PalermoToday, dopo aver appreso la notizia della morte di Angelo Mazzola, caporalmaggiore dell’Esercito, ucciso da un tumore al fegato, che per l’Anavafaf (un'associazione che assiste i familiari delle vittime arruolate nelle forze armate) è stato causato dalle missioni di pace alle quali Mazzola aveva preso parte. La storia di Motta è simile ma, per fortuna, non c’è una fine tragica.

Ecco il suo racconto. “Mi arruolai l’8 aprile del 2002 con mansione di specialista nel sistema di combattimento Telecomunicatore, ero una persona felice di aver intrapreso la strada di mio padre ex sergente della marina militare. Fui destinato sempre nel 2002 a La Spezia ed imbarcato sulla nave Scirocco una delle più operative della flotta”. Poi inizia il periodo delle missioni e delle esercitazioni. “Partecipai al Tirnav (tirocinio navale), al Presidentex (onori al Presidente della Repubblica), all’Snmg2 (standing naval mediterranean group 2), allo Stanavformed (pattugliamento nel Mediterraneo) all’Enduring Freedom ( missione per la pacificazione in Afghanistan) ed a tanti altri programmi”. Dal luglio del 2005 il calvario. “Alla fine delle missioni  – prosegue Motta - mi recai a Palermo in ferie e mia moglie Cetty, all'epoca la mia fidanzata, mi fece una grande sorpresa, aveva affittato casa per poter intraprendere una vita coniugale e familiare cosa che a me andava a genio ma che purtroppo durò ben poco. Esattamente il 15 luglio mentre facevo la barba mi accorsi di una tumefazione laterocervicale a destra”.Gruppo di militari italiani all'estero

Il 13 dicembre 2005, Motta non lo ricorda per la consueta scorpacciata di arancine, che si fa a Palermo. “Seppi che avevo il linfoma di Hodgkin, mi ricoverarono d'urgenza per fare la biopsia al midollo osseo e iniziare i miei 8 cicli di chemioterapia ed i 35 cicli di radioterapia, una cura atroce”. Al peggio, però, spesso c’è una fine. “Tutto sembrava andare male – continua il giovane - quando in ospedale mia moglie mi diede una notizia formidabile: era incinta. All’improvviso riacquistai voglia di vivere e sicurezza nell’affrontare il percorso”. Dopo, un’altra mazzata. “Ricevetti una lettera della Marina militare che mi comunicava che dal mese successivo le mie competenze si riducevano del 50% e se la malattia si fosse prolungata per ulteriori 3 mesi le competenze erano pari a zero. Feci 17 mesi di cure, una parte di questi mesi senza stipendio con relative conseguenze. Non avevo soldi per far fare a mia moglie in gravidanza le visite del caso, fui sfrattato di casa”.

Lorenzo Motta, però, trova la forza di reagire. Il 15 ottobre 2006, Cetty gli regala la prima figlia, Nadia. “Neanche ebbi il tempo di godermela che il 17 ottobre dovetti andare a Taranto per una visita militare”, dice con amarezza Motta. Poi nascono anche Asia e Alessandra. Motta adesso si sottopone a controlli medici ogni due anni. Il linfoma è in via di remissione completa. Non lavora più per la marina militare, è un impiegato del ministero della Difesa e si è trasferito al Torino, a casa del padre, dove vive con le sue quattro principesse, la moglie e le bimbe. Gli resta un dubbio, che tanto dubbio per lui non è, sulla causa della sua malattia. “Mi sono arruolato nel 2002 e nel 2003 prima del corso per incursore della Marina mi fecero visite di ogni genere, risultavo sano come un pesce. Nel 2005 dopo le missioni avevo il linfoma di Hodgkin. Perché lo Stato non riconosce che mi sono ammalato all'estero? Perché mi tagliò lo stipendio? Qual è la differenza fra un militare che a causa di un attentato muore in terra estera ed un militare che muore per una malattia presa in terra estera?”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, violento scontro sulla Statale: un morto

  • Sue le serate più belle del nuovo millennio, Palermo piange per Darin "l'amico di tutti"

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Orlando firma l'ordinanza: negozi aperti anche la domenica

Torna su
PalermoToday è in caricamento