Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Dopo le indagini dei carabinieri del Nas a finire in manette sono stati il direttore della Neurochirurgia, Natale Francaviglia, due infermieri e un agente di commercio. Sequestrati oltre 43 mila euro considerati profitto del presunto raggiro

(foto archivio)

Arrestati il primario di Neurochirurgia del Civico, due infermieri e un agente di commercio con l’accusa di truffa aggravata ai danni dell’ente pubblico, falsità ideologica aggravata da pubblico ufficiale in atti pubblici e abuso d’ufficio. Una bufera si è abbattuta sull’ospedale Civico, dove questa mattina i carabinieri del Nas hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del direttore dell’unità operativa complessa Natale Francaviglia, di Santo Montemurro (coordinatore infermieristico), Michele Bruno (infermiere) e Francesco Tarallo (della Servizi medicali srl). Con lo stesso provvedimento firmato dal gip Maria Cristina Sala è stato disposto un sequestro preventivo per equivalente di oltre 43 mila euro.

Il sindacato Cimo: "E' solo la punta dell'iceberg"

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica e condotte dal Nas del capoluogo, si sono svolte attraverso servizi di osservazione e pedinamento, ispezioni e intercettazioni. Ciò ha “permesso di scoprire un’articolata organizzazione - spiegano dal Comando provinciale dei carabinieri - finalizzata a perpetrare truffe ai danni del servizio sanitario regionale, mediante la falsificazione di documenti e registri di carico e scarico del materiale protesico utilizzato negli interventi di chirurgia cranica e della colonna vertebrale, in particolare dichiarando l’uso di dispositivi medici in numero notevolmente superiore rispetto a quello realmente impiantato sui pazienti nel corso degli interventi chirurgici”.

Razza assicura: "Rigore e pugno duro"

Stando a quanto ricostruito dagli investigatori, Francaviglia, con la collaborazione di medici e infermieri del suo reparto, avrebbe favorito i suoi pazienti privati e paganti evitando loro la necessità di iscriversi nelle liste d’attesa per gli interventi chirurgici “facendoli figurare - aggiungono i carabinieri - come se avessero seguito le normali procedure istituzionali di ricovero”. La somma di 43.724 euro è stata sequestrata, oltre che agli arrestati, anche a un infermiere e all’amministratore della società fornitrice dei dispositivi medici. Entrambi non sono però stati colpiti dal provvedimento restrittivo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • Coronavirus, Musumeci: "Sospensione lezioni nelle scuole di Palermo e provincia"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

Torna su
PalermoToday è in caricamento