Cronaca

“Vendeva le case del Comune”, un altro vigile urbano nei guai

Chiesto il rinvio a giudizio per Pietro Pernice, 57 anni, e altre due complici. Sarebbe stato al centro di una mega truffa di compravendite fasulle di immobili di proprietà dell’Amministrazione. Orlando: “Saremo parte civile al processo”

Vendeva case del Comune dicendo che facevano parte del patrimonio in dismissione. Dopo la il caso della vigilessa-squillo, un altro agente della polizia municipale finisce nella bufera. Per Pietro Pernice, 57 anni, la procura ha chiesto il rinvio a giudizio al gup Ettorina Contino. Assieme a due complici è accusato di truffa.

Secondo quanto si legge su RepubblicaPalermo, avrebbe portato avanti la pratica simulando appuntamenti con geometri dell'Edilizia privata e delle Risorse immobiliari, con studi notarili e legali. Pernice, dal 2008 al 2011, quando era in servizio presso alcuni uffici comunali, tra cui l'Edilizia privata e quella pericolante, è stato protagonista di una mega truffa di compravendite fasulle di case di proprietà del Comune, con trenta persone trascinate a loro insaputa nel finto affare, attratti dai prezzi vantaggiosi. In tutto i tre avrebbero intascato, con gli acconti chiesti per bloccare gli appartamenti, circa un milione di euro. L'udienza preliminare è stata fissata il 13 febbraio.

E il sindaco Leoluca Orlando, informato questa mattina della vicenda, ha immediatamente predisposto che siano applicate tutte le misure disciplinari previste e ha interessato l'Avvocatura comunale affinchè predisponga un atto necessario per la costituzione di parte civile dell'Amministrazione comunale.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Vendeva le case del Comune”, un altro vigile urbano nei guai

PalermoToday è in caricamento