Cronaca

Tram, al via le prove in deposito Ancora da affidare la gestione

Arrivate tutte e 17 le vetture, a breve i test sul circuito interno dello stabilimento Roccella, proseguono i lavori per le tre linee cittadine. Resta l'incognita dell'assegnazione del servizio

In città si continua a lavorare sull'asfalto, nel deposito Roccella dove sono già arrivate tutte e 17 le vetture dovrebbero mancare pochi giorni all'inizio delle prove sul circuito interno. Il tram, opera da 230 milioni di euro, è all'orizzonte, l'unica incognita al momento è rappresentata dal personale. L'Amat, infatti, non dispone di dipendenti con la patente per guidarli. Si dovrà fare ricorso a dei corsi di formazione. Ma soprattutto si dovrà individuare un gestore del servizio.

I MEZZI. A fornire le macchine è stata la Bombardier di Vienna. Si tratta di vetture "gemelle", con le stesse caratteristiche. Lunghe 32 metri con una capienza di 250 persone, di cui 56 con un posto a sedere. Previste le sistemazioni per chi si muove in carrozzina. Hanno cabine bidirezionali, ovvero un posto di guida anteriore e uno posteriore.

LE LINEE. Tre le linee previste. La linea 1 Roccella-Stazione (5,4 chilometri) centrale è pronta al 60 per cento con i binari già posati nei tratti Roccella, via Laudicina, via Di Vittorio, via Pecori Giraldi e via Diaz. Dovrebbe essere operativa a maggio 2013. Stesso tempo previsto per la linea 2 Via Castellana-Notarbartolo (5 chilometri) completa per oltre il 20 per centro del percorso con la posa di 200 metri di binari e la sistemazione di alcuni pali per la rete elettrica nella zona di Borgo Nuovo. Al momento gli operai stanno spostando i sottoservizi in via Leonardo da Vinci. La linea 3 (3,7 chilometri) sarà divisa in due tratte ed entrambe confluiranno sulla linea 2. Sulla prima, che parte dal Cep, i lavori sono già iniziati e si punta alla conclusione per giugno. La seconda che attraverserà viale Regione Siciliana, da piazza Einstein a corso Calatafimi, sarà completata per l'estate 2013.

IL PERSONALE E LE PROVE. Non si sa ancora chi si occuperà della gestione del servizio in città. Il presidente dell'Amat, Mario Bellavista, ha spesso invitato il Comune ad "affidarlo al più presto". Ormai, a meno di sorprese, sarà una delle prime incombenze del nuovo sindaco. Prima delle elezioni, invece, dovrebbero iniziare i test delle vetture sull'anello al chiuso all'interno del deposito Roccella. Una messa a punto per raggiungere il chilometraggio minimo richiesto (2.000 chilometri) per ottenere il nulla osta dall'Ustif di Bari, organo del ministero dei Trasporti. Sono previste prove di accelerazione e decelerazione, marcia in curva, corse di 30 chilometri e test di fatica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tram, al via le prove in deposito Ancora da affidare la gestione

PalermoToday è in caricamento