Premiati 7 carabinieri: sventarono suicidio di 3 persone e una tragedia sulla Palermo-Sciacca

Questa mattina il generale di brigata Rosario Castello, comandante della Legione carabinieri Sicilia, ha consegnato ai militari un encomio solenne, concesso dal comandante generale dell’Arma, Giovanni Nistri

Encomio solenne ai carabinieri

Questa mattina il generale di brigata Rosario Castello, comandante della Legione carabinieri Sicilia, ha consegnato un encomio solenne, concesso dal comandante generale dell’Arma, Giovanni Nistri, a sette carabinieri in servizio nell’Isola.

L’importante ricompensa è stata attribuita al vicebrigadiere Franco D’Alessandro e al carabiniere Lorenzo Bartolomei, che si sono distinti nel corso di un servizio di pattuglia, ad Altofonte, in cui erano riusciti prontamente a fermare la corsa di un furgone che, a causa di un guasto improvviso all’impianto dei freni, stava procedendo fuori controllo lungo una strada statale.

Premiati anche altri cinque carabinieri: si tratta degli appuntati scelti Salvatore Finazzo, Vincenzo Acanfora, Simone Itta, Giuseppe Cavalletti e Leonardo Difino, i quali, grazie al loro tempestivo ed efficace intervento, avevano sventato il suicidio di tre persone, rispettivamente a Cinisi, Palermo e Marsala.

"Il Generale Castello - spiegano dal comando dell'Arma - dopo la lettura di ogni singola motivazione, ha consegnato ai carabinieri il relativo riconoscimento, ringraziandoli per la meritoria attività svolta a tutela e per il bene della collettività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento