menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sequestro effettuato dalla polizia

Il sequestro effettuato dalla polizia

In casa nasconde una pistola e 20 flaconi di metadone: arrestato allo Sperone

La polzia dopo rapide indagini ha inchiodato Arturo La Rizza, pregiudicato 50enne. L'uomo da tempo risultava irreperibile. Sono in corso degli accertamenti balistici sull’arma rinvenuta

In casa nascondeva una pistola e 20 flaconi di metadone. La polizia dopo rapide indagini ha tratto in arresto Arturo La Rizza, pregiudicato 50enne del quartiere Sperone. Nella sua abitazione è stata scovata un’arma clandestina (Beretta calibro 7.65 con matricola abrasa), oltre a munizioni dello stesso calibro, tre caricatori, e cinque litri di metadone cloridrato (a tutti gli effetti sostanza stupefacente). "Il tutto - come hanno spiegato dalla questura - era detenuto illegalmente".

Hanno proceduto all’arresto e al sequestro gli agenti della sezione investigativa del commissariato Brancaccio. La Rizza si era stabilito dopo nell'abitazione dello Sperone dopo che per alcuni anni era risultato irreperibile. "Gli agenti - dicono dalla polizia - nel corso del tempo hanno proceduto alle ricerche dell’uomo per notificargli un atto giudiziario relativo ad un procedimento penale del 2017, in cui il 50enne risultava indagato per aver procurato gravi lesioni ad un uomo mediante l’utilizzo di un corpo contundente, non riuscendo però a rintracciarlo".

Individuata quindi l’attuale dimora, ieri mattina i poliziotti hanno perquisito la casa di La Rizza. "Sin da subito  - spiegano dalla questura - l'uomo ha mostrato evidenti segni di insofferenza e nervosismo, fornendo inoltre dichiarazioni contraddittorie relative alla sua permanenza in quella casa. Durante la perquisizione è stata trovata la pistola, nascosta all’interno della fodera di un giubbotto. Era in buono stato d’uso e potenzialmente pronta all’uso". La Rizza è stato pertanto tratto in arresto: sono in corso ulteriori accertamenti balistici sull’arma rinvenuta, per risalire alla identificazione della matricola e verificare se sia stata utilizzata per dei reati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento