Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Mezzomonreale-Villa Tasca

Sequestrate 3 tonnellate di cagliata in un'azienda agricola, denunciato il titolare

Controlli dei carabinieri del Nas nella zona di Mezzomonreale. Dagli accertamenti dei Nas è emerso che i prodotti lavorati, malgrado quanto indicato nelle etichette, erano di provenienza non comunitaria. Tolte dal mercato anche 70 forme di formaggio pronte per la vendita

Foto d'archivio

Avrebbero utilizzato cagliata di provenienza non comunitaria per la produzione di formaggi le cui etichette dicevano ben altro. I carabinieri del Nas hanno sequestrato a un’azienda agricola che si trova nella zona di Mezzomonreale oltre tre tonnellate di cagliata e 70 forme di formaggio già confezionate e pronte per la vendita.

Il titolare dell’azienda è stato denunciato per detenzione di prodotti in cattivo stato di conservazione - in relazione alla temperatura riscontrata - e frode in commercio per le incongruenze tra la documentazione in possesso del commerciante e le etichette dei prodotti sulle quali era indicata la provenienza delle materie prime.

I controlli nell'azienda agricola sono stati eseguiti dai militari del Nucleo antisofisticazione e sanità di Palermo tra domenica e lunedì. Il valore della merce sequestrata e tolta dal mercato ammonta a circa 40 mila euro.

Nei giorni scorsi i carabinieri del Nas hanno sequestrato oltre 5 tonnellate di ricotta zuccherata in un bar-pasticceria. I controlli sono scattati nel laboratorio di un bar nella zona di via Gustavo Roccella e hanno portato al sequestro della ricotta perché il prodotto non era tracciabile.

Secondo quanto accertato dai militari non c'era alcun documento che attestava la provenienza della ricotta, del valore complessivo di circa 20 mila euro, che sarebbe stata utilizzata per preparare cassate, cannoli, bignè e altri dolci

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrate 3 tonnellate di cagliata in un'azienda agricola, denunciato il titolare

PalermoToday è in caricamento