Cronaca

Scuola, "disagi per gli studenti di Cinisi": protesta del comitato pendolari

Il comitato denuncia una "situazione gravissima e insopportabile. In particolare per gli studenti delle scuole superiori costretti a viaggiare con le autolinee Russo e Segesta"

La scuola è iniziata da pochi giorni, ma già si registrano disagi e lamentele da parte degli studenti pendolari. A fare sentire la propria voce sono i ragazzi "residenti a Cinisi che - dicono dal comitato pendolari - subiscono nel raggiungere il capoluogo e nel ritorno a Cinisi, a causa della problematica relativa alla interruzione per lavori della tratta ferroviaria Piraineto-Palermo".

Il comitato pendolari parla di una "situazione gravissima e insopportabile. In particolare per gli studenti delle scuole superiori costretti a viaggiare verso la città di Palermo con le autolinee Russo e Segesta, perché sono giornalmente lasciati a terra a causa degli autobus che frequentemente giungono già pieni. Il disservizio arriva in seguito al mancato rinforzo delle linee, soprattutto nelle ore di punta da e per Palermo. Gli ultimi episodi risalgono alla giornata del 22 settembre quando alla fermata delle 12.30 in via Ugo La Malfa direzione Palermo-Cinisi l’autobus Russo, gli studenti per la maggior parte sono rimasti alla fermata e per raggiungere Cinisi hanno dovuto attendere la corsa delle 14, per arrivare a destinazione alle 14.45 anziché alle  13.15. Mentre il 23 alla sosta delle ore 8.15 dell’incrocio corso Umberto/SS.113, su 20 studenti ad attendere l’autobus in arrivo ne sono stati fatti salire solo 2, mentre i restanti 18 sono stati costretti a fare rientro a casa perdendo un altro giorno di scuola. 
Analoga problematica è relativa anche alla tratta Cinisi-Palermo e viceversa servita dalle autolinee Segesta e Ast".

"Una situazione assurda al limite dei termini di legge - sottolineano - in quanto lede il diritto allo studio dei nostri ragazzi, ma la cosa più grave è che studenti minorenni vengono lasciati in balia di stessi per ore. In relazione al servizio sostitutivo dei treni istituito da Trenitalia senza raccordo con le realtà territoriali e soprattutto sulla via del ritorno da Palermo verso Cinisi, alle fermate di Fiera, Notarbatolo, Francia, San Lorenzo Colli si assiste a veri e propri 'assalti alla diligenza'. Situazioni critiche di questo genere potevano essere gestite, onde evitarle, per tempo, con una seria programmazione molto tempo prima dell’inizio dell’anno scolastico. Ora urge la convocazione di un tavolo tecnico fra le parti in indirizzo dove anche la nostra voce dovrà essere ascoltata e non solo quella dei rappresentanti dei consigli comunali. Bisogna ascoltare le istanze di chi subisce giornalmente e da anni questi disservizi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, "disagi per gli studenti di Cinisi": protesta del comitato pendolari

PalermoToday è in caricamento