menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'antenna sequestrata

L'antenna sequestrata

Fine delle trasmissioni per "Radio Ciaculli": denunciato un 44enne

Irruzione dei carabinieri della stazione Brancaccio in un'abitazione: inchiodato un uomo che aveva creato un'emittente radiofonica abusiva sulla collina di Ciaculli

Fine delle trasmissioni per "Radio Ciaculli". I carabinieri della stazione Brancaccio hanno deferito in stato di libertà un 44enne palermitano (R.B. le sue iniziali) per "violazione del codice delle comunicazioni elettroniche, furto aggravato e danneggiamento". L'uomo aveva creato una radio clandestina sulla collina di Ciaculli

I militari, coadiuvati dai funzionari del ministero dello Sviluppo economico, sono intervenuti in via Ciaculli dove hanno individuato un’antenna "svettare" da un’abitazione. Così è scattata l'irruzione in casa. "I carabinieri - dicono dal comando provinciale dell'Arma - hanno riscontrato la presenza di un'emittente radiofonica abusiva, la quale attraverso un apparato di trasmissione, un ricevitore ed altra strumentazione, inviava un segnale che interferiva con la frequenza dell’emittente privata".

La stazione radio è stata disattivata e la relativa strumentazione è stata sequestrata. "Inoltre - concludono dal comando dei carabinieri - i militari, con l’ausilio dei tecnici Enel, hanno accertato che l’intero immobile era allacciato abusivamente alla rete elettrica cittadina. Sono in corso gli accertamenti per acclarare la finalità dell’illecita attività".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento