rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Romagnolo

Passerella di Romagnolo, presentato un esposto in Procura

L'iniziativa di Comitati Civici e Vivo Civile sulla struttura costruita dall'ex Provincia di Palermo. "Dobbiamo liberare Romagnolo da un pericolo per i bagnanti"

Comitati Civici e Vivo Civile hanno presentato un esposto in Procura sulle condizioni di abbandono del pontile in legno di Romagnolo, che ormai rappresenta un pericolo per i turisti e i bagnanti. La struttura, costruita dall'ex Provincia di Palermo, è stata oggetto di continui atti vandalici. L'esposto è stato inviato anche al Prefetto, al sindaco, al demanio marittimo e al Comune. A partecipare alla conferenza stampa i consiglieri comunali di Palermo dei Comitati Civici Filippo Occhipinti e Gaspare Lo Nigro, il presidente dell'associazione Comitati Civici Giovanni Moncada e il presidente dell'associazione Vivo Civile Marcello Robotti che chiedono alla magistratura di valutare eventuali profili di illecità penale, individuando i responsabili.

"Noi vogliamo che la struttura sia messa in sicurezza - afferma Moncada - ma sappiamo che recuperare la passerella costerebbe di più che abbatterla e ricostruirla. Dobbiamo liberare Romagnolo da un pericolo per i bagnanti. L'esposto è un modo per accendere i riflettori su questa vicenda, evitando una futura tragedia che appare sempre più probabile", puntualizza Occhipinti. "La riqualificazione della costa passa dalla bonifica di tutta l'area, stiamo sprecando soldi pubblici - aggiunge Robotti -. E' incomprensibile che i cittadini debbano fare un esposto perché le autorità non riescono ad affrontare il problema".

"La Provincia ha anche finanziato il totale rifacimento della passerella e la sua sorveglianza - spiega Lo Nigro - ma una volta terminato il contratto con le guardie giurate, è stato tutto vandalizzato ancora una volta. La passerella è costata 2,3 milioni di euro, è stata abbandonata e vandalizzata e ad oggi nessuna barriera ne impedisce l'accesso. Ho più volte sollecitato il Comune alla messa in sicurezza e finalmente nel dicembre scorso sono stati disposti interventi urgenti da parte della giunta di cui però, dopo sette mesi, non vi è traccia, nonostante sia stato individuato il capitolo di spesa da cui prelevare le somme necessarie per effettuare i lavori. Nessun atto è stato posto in essere per l'affidamento dei lavori, la struttura è stata totalmente abbandonata e da allora niente è stato fatto, disattendendo la delibera. La messa in sicurezza non è procrastinabile, ma quello che indigna profondamente è l'indifferenza delle istituzioni nei confronti della devastazione di un bene pubblico, costruito con fondi sottratti ad altre importanti iniziative di riqualificazione del territorio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passerella di Romagnolo, presentato un esposto in Procura

PalermoToday è in caricamento