menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Frisco, 27 anni

Roberto Frisco, 27 anni

Omicidio a Cruillas, rissa o regolamento di conti: il movente si cerca in pizzeria

Giornata di interrogatori oggi in Procura per fare luce su quanto accaduto lo scorso sabato in piazza Lampada della Fraternità, dove è morto Roberto Frisco. Carabinieri alla ricerca di chi potrebbe aver fatto scattare la scintilla

Nelle (eventuali) risse precedenti all’omicidio si cerca la scintilla che potrebbe aver scatenato il "bagno di sangue" a Cruillas. Giornata di interrogatori oggi in Procura dove il gip ascolterà altri potenziali testimoni di quanto accaduto sabato sera in piazza Lampada della Fraternità. In quella serata di follia ha perso la vita il 27enne Roberto Frisco (nella foto a destra), mentre altre quattro persone sono rimaste ferite. Il più grave è il padre della vittima, il 54enne Giuseppe, ricoverato nel reparto di Anestesia dell’ospedale Cervello. Altrettanto delicata la situazione di Nunzio Lo Piccolo (23 anni): l’intervento chirurgico per suturare le ferite riportate alla coscia e all’inguine è andato bene. Qualche graffio anche per il fratello della vittima Francesco Frisco (31 anni) e per Salvatore Lo Piccolo (19 anni). Sono stati tutti fermati con l'accusa di rissa aggravata dalle lesioni e dalla morte del ragazzo.

Un weekend difficile per gli investigatori, impegnati a rintracciare e ascoltare eventuali testimoni, per incrociarne i racconti e individuare convergenze e divergenze. L’obiettivo è quello di capire cosa sia successo negli attimi precedenti all’omicidio. Una delle ipotesi vagliate dai militari vede coinvolto un soggetto, ancora da identificare, che potrebbe aver provocato la rissa fatale per il 27enne e che potrebbe avere a che fare con una pizzeria della zona. I Frisco sarebbero andati nel locale e avrebbero avuto un alterco con questa persona, che potrebbe essere uno dei dipendenti dell’attività di ristorazione o un altro cliente. E quest’ultimo potrebbe aver chiesto l’intervento dei Lo Piccolo. Uno di loro sarebbe andato insieme al soggetto (attualmente senza identità) per un primo confronto dove i Lo Piccolo avrebbero avuto la peggio.

Dopo l’affronto avrebbero deciso di andare dai Frisco per riparare allo "sgarro" appena subito. La discussione sarebbe subito degenerata e a quel punto sarebbe saltato fuori il coltello che ha ferito mortalmente il 27enne Roberto, raggiunto all’addome dalla lama. Questa, però, è soltanto una delle piste battute dai carabinieri, che continuano a cercare altri testimoni ed eventuali immagini riprese dai circuiti di videosorveglianza. Anche se al momento sembrerebbe che nei paraggi non ce ne fossero. Altre informazioni potrebbero arrivare dallo stesso Giuseppe Frisco, il quale per il momento resta intubato e in prognosi riservata. Secondo le forze dell'ordine tra le due famiglie non ci sarebbero stati precedenti, mentre nel quartiere c'è chi sostiene non corresse "buon sangue" tra di loro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento