Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca Noce / Via Dante

Commerciante uccisa in via Dante, la risposta si cerca dalle telecamere

Sopralluogo della scientifica dentro al negozio dove è stata trovata Antonietta Giarrusso. La polizia sta visionando le immagini della sorveglianza. Esclusa la pista familiare e quella legata all'usura

Continuano senza sosta le indagini per individuare l’assassino di Antonietta Giarrusso, la donna di 65 anni trovata massacrata lunedì pomeriggio dentro il suo negozio di parrucche in via Dante. Oggi è stato rilasciato il clochard fermato ieri, mentre qualche ora fa c’è stato un sopralluogo della polizia scientifica all’interno del negozio. Una decina di poliziotti, in tuta bianca, stanno ripercorrendo metro dopo metro, il luogo in cui la donna è stata massacrata. Al momento non c’è nessun indagato.

Ma potrebbe essere nelle immagini riprese dalle videocamere di due negozi la soluzione del brutale omicidio. La polizia sta esaminando i nastri estratti dalle telecamere che potrebbero avere inquadrato l'assassino. Proseguono, intanto, gli interrogatori dei familiari della donna che, 8 anni fa si era sposata in prime nozze con un ex tecnico dei cantieri navali, Giuseppe Messina, molto più anziano di lei. L'uomo, vedovo, che ha trovato il corpo della moglie trafitta da decine di colpi di forbice, è stato sentito insieme ad uno dei due figli e ai nipoti della vittima: rapporti familiari molto distesi e affettuosi - sostengono gli investigatori - che escluderebbero la pista familiare.

Si continua, invece, a indagare sul movente della rapina: gli investigatori hanno trovato sotto una pila di carte su uno scaffale 1000 euro. L'eventuale bandito, dunque, potrebbe non avere trovato il denaro, anche se il negozio non pare sia stato messo a soqquadro dopo che l'assassino si è accanito sulla vittima. Non convincono la polizia, invece, né la pista del clochard interrogato ieri e sottoposto a Tso perchè affetto da schizofrenia, né quella che vede nella presunta attività di prestiti, assolutamente non riscontrata, ma riferita da conoscenti, che la donna avrebbe svolto, il movente dell' omicidio. Né in cassa, né sui conti bancari sono stati trovati movimenti di denaro tali da far pensare a un giro di denaro legato all'usura.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commerciante uccisa in via Dante, la risposta si cerca dalle telecamere

PalermoToday è in caricamento