rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Quarantena e Dad: cosa cambia in concreto a scuola da lunedì 7 febbraio

A distanza di un mese dall'ultimo decreto, il governo ne sigla uno nuovo, che rivoluziona nuovamente le regole anti Covid per gli studenti

Niente più restrizioni per i vaccinati, anche in zona rossa, green pass con durata illimitata per chi ha completato il ciclo vaccinale ma anche per chi ha fatto solo due dosi di vaccino ed è guarito dal Covid, quarantena a scuola da 10 a 5 giorni e solo per i non vaccinati, didattica a distanza che scatta da cinque casi in su per nidi, materne ed elementari.

A distanza di un mese dall'ultimo decreto, il Governo ne sigla uno nuovo, che rivoluziona nuovamente le regole anti Covid, semplificandole. Il decreto con le nuove norme entrerà in vigore il giorno dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dunque nelle prossime ore, in modo che sia operativo per lunedì 7 febbraio. Gli studenti vaccinati resteranno sempre in classe dicendo addio alla tanto odiata Dad che si riduce comunque a 5 giorni per gli altri. 

Le nuove regole su Dad e quarantena

Nelle scorse settimane la babele di regole ha creato problemi e disagi a migliaia di famiglie e mandato nel caos il sistema scolastico anche se il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi rivendica, dati alla mano, ciò che è stato fatto finora, che ha consentito di avere "l'81,3% degli alunni, il 92% dei docenti e il 93,2% del personale tecnico amministrativo in presenza".

Viene di fatto dimezzata la durata della Dad, che passa da 10 a 5 giorni in tutte le scuole di ogni ordine e grado e rimane solo per i non vaccinati, ad eccezione della fascia 0-6 anni, nella quale non è autorizzata la vaccinazione. La differenza, dunque, è che negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia, tutti i bambini rimarranno a casa quando in classe ci sono 5 o più casi di positività al Covid e non più alla presenza di un caso come avviene oggi. Alle elementari, medie e superiori, invece, la didattica a distanza scatterà solo per i non vaccinati: alle primarie, così come per la fascia 0-6, dal quinto caso in su, alle secondarie dal secondo in poi.

Chi resta in classe e ha più di sei anni dovrà utilizzare le mascherine FFp2 mentre a nidi e infanzia, dove per i bimbi non c'è obbligo di dispositivi di protezione, ad usare le Ffp2 saranno solo i docenti. Il decreto introduce un'ulteriore novità, i tamponi 'fai da te' per scuole dell'infanzia ed elementari. Fino a 4 casi, infatti, si rimane tutti in classe, ma se un bambino dovesse mostrare sintomi del virus, dovrà sottoporsi ad un tampone, molecolare, antigenico oppure "autosomministrato". In caso quest'ultimo desse esito negativo, per rientrare in classe basterà l'autocertificazione. Chi, invece, va in quarantena, in ogni ordine e grado d'istruzione, per tornare a scuola dovrà fare solo un tampone antigenico.

Quarantena e Dad: cosa cambia

  • Nidi e materne: scuole chiuse solo con 5 o più casi, e non più uno solo come avviene oggi.
  • Elementari: fino a 4 casi di positività si continua con la didattica in presenza con mascherine FFP2 per docenti e alunni. Inoltre, è obbligatorio effettuare un test antigenico rapido o autosomministrato o molecolare alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto. A partire dal 5° caso, chi ha concluso il ciclo vaccinale o è guarito da meno di 120 giorni o ha fatto il richiamo, continua l'attività didattica in presenza con l'utilizzo di mascherine FFP2 da parte di docenti e alunni con più di 6 anni di età per dieci giorni; per tutti gli altri (non vaccinati o vaccinati da più di 120 giorni) le attività proseguono in dad per 5 giorni.
  • Medie e superiori:  con un alunno positivo, l'attività prosegue per tutti in presenza con l'utilizzo della mascherina FFP2 da parte di alunni e docenti; con due o più alunni positivi, per chi ha concluso il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni o è guarito da meno di 120 giorni o ha effettuato il richiamo, la didattica prosegue in presenza con mascherine FFP2 per dieci giorni; per gli altri c’è la didattica digitale integrata per 5 giorni.

fonte Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quarantena e Dad: cosa cambia in concreto a scuola da lunedì 7 febbraio

PalermoToday è in caricamento