Cronaca

Stroncato da un infarto durante il lavoro, muore netturbino della Rap

Emanuele Altieri, 64 anni, è deceduto ieri durante un turno di raccolta. La salma dell'uomo è stata trasportata a Villa Sofia. Era impegnato in servizio straordinario a Tommaso Natale. Giordano (Fit Cisl): "La carenza di personale non è più sostenibile, servono assunzioni"

Ieri è deceduto per infarto un operatore ecologico della Rap. Una morte sul lavoro, come spiega a PalermoToday Dionisio Giordano, segretario generale della Fit Cisl Sicilia: "Il collega era impegnato nella raccolta in servizio straordinario". L'operaio stava lavorando con un motocarro a supporto di un compattatore a Tommaso Natale. L'azienda conferma la morte del netturbino e rende note le generalità: si tratta di Emanuele Altieri, 64 anni. La salma dell'uomo è stata trasportata a Villa Sofia.

"Non è più sostenibile la carenza di personale, quello in servizio lo è continuativamente" afferma Giordano, che chiede a Rap e Comune d'impegnarsi "con urgenza" per bandire un concorso, "così come deciso per l'Amat": "Nuove assunzioni costerebbero meno dello straordinario - aggiunge il sindacalista - ed eviterebbero ai lavoratori rischi sulla loro salute".

La morte del netturbino della Rap è avvenuta in piena emergenza, con la città invasa dai rifiuti a causa dell'arretrato che si è accumulato presso l'impianto Tmb. A Bellolampo, le operazioni di smaltimento procedono a rilento: Rap e Comune, in questa fase, sono al lavoro per tentare di ritornare alla normalità. Ci vorranno però almeno 15 giorni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncato da un infarto durante il lavoro, muore netturbino della Rap

PalermoToday è in caricamento