Monreale, si allontana da casa per bruciare le sterpaglie: pensionato trovato morto

I familiari di un 81enne non avevano più sue notizie da pranzo. Dopo ore di ricerche è stato lanciato l’allarme al 112. Quindi la triste scoperta. Sul posto i carabinieri, i vigili del fuoco e il medico legale

Foto archivio

Trovato morto in un canneto dove era andato a bruciare le sterpaglie. Un uomo di 81 anni è deceduto oggi pomeriggio a Monreale, nella zona della strada vicinale Manca Miccini, in un terreno di sua proprietà non lontano dall'acquapark. I familiari di Rosario Marfia non avevano più sue notizie già dal pranzo e per questa ragione avevano chiamato il 112 per poi cercarlo in lungo e in largo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo l’allarme sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri le cui ricerche si sono concluse di fronte al corpo ormai esanime del pensionato. Sul posto anche il medico legale per accertare le cause della morte. Da chiarire se l’uomo sia deceduto a causa delle ustioni o se abbia accusato un malore mentre bruciava l’erba secca e sia stato colpito dalle fiamme. Indagini in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento