menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercatino di viale Francia spostato in via Monte Iblei, ma non ci sono né cartelli né stalli

Il Comune ha emanato l'ordinanza, ma l'Amat non ha ancora sistemato la segnaletica e l'ufficio Mobilità non ha segnato i posteggi. Susinno (Sc): "C'è il rischio che le bancarelle vengano montate nella vecchia area". Zacco (Iv): "No a disagi per i commercianti". Tumbarello (M5S): "La zona scelta non è idonea, così si arreca un danno alla circolazione"

Stop alle bancarelle in viale Francia, il mercato del martedì si trasferisce in via Monti Iblei e in via Cannarozzo. C'è l'ordinanza del Comune, ma l'Amat non ha ancora sistemato i cartelli e l'ufficio Mobilità non ha provveduto a segnare i posteggi. Il che, a sentire il consigliere Marcello Susinno (Sinistra Comune), "domani potrebbe creare un po' di caos sul fronte viabilità e disagi tra i residenti"; ma potrebbe anche verificarsi che "i mercatari montino le bancarelle nei vecchi posteggi di viale Francia". 

Fondamentale dunque sarà il presidio dei vigili urbani sin dalla prima mattinata, affinché il mercato si sposti nel punto indicato dall'ordinanza: ovvero esattamente a poche centinaia di metri dalla storica ubicazione, in uno spazio dove non ci sono condomini e palazzi. "La presenza del mercato rionale in viale Francia - sottolinea Susinno - è stato sempre un problema insostenibile per i residenti. Nei giorni scorsi, insieme al presidente della Sesta circoscrizione Michele Maraventano, avendo ricevuto centinaia di firme, abbiamo rappresentato le criticità del mercato: non solo di carattere sanitario legate o meno al Covid-19, ma a salvaguardia dell'ordine e della sicurezza pubblica".

Il mercato rionale che si svolgeva settimanalmente in viale Francia era stato autorizzato solo provvisoriamente, poiché lo spazio indivuduato a piazzale Ambrosini è occupato da anni dal cantiere del Passante ferroviario.? "Una provvisorietà che durava da sei anni" dice Susinno, che invita l'amministrazione "a installare anche i bagni chimici, essendo il mercato uno 'spazio sociale' oltre che un'importante attività economica".

Dal presidente della commissione consiliare Attività produttive, Ottavio Zacco (Italia Viva), arriva invece l'appello "agli uffici del Comune affinché non si creino ulteriori disagi ai commercianti dei mercatini, che già negli ultimi mesi hanno patito la crisi a causa dello stop imposto dal Coronavirus".  

La scelta di via Monti Iblei però non piace alla Sesta circoscrizione e il Consiglio nei giorni scorsi aveva espresso la sua contrarietà: "Il luogo - dice Daniela Tumbarello, consigliera del M5S - è inadeguato: si tratta di una strada trafficata, che rappresenta un'alternativa a viale Strasburgo. Se viene occupata dal mercato si arreca un danno alla circolazione". Non manca la stoccata al Comune, reo di non prendere in considerazione "chi vive il territorio". Ossia i consiglieri di circoscrizione. "Mi domando cosa ci stiamo a fare. L'amministrazione dimostra per l'ennesima volta di non tenere conto delle deliberazioni delle circoscrizioni. Questo caso è emblematico. Eppure stamattina, nel corso di una riunione con la commissione Attività produttive il vicepresidente della Sesta Li Muli lo aveva fatto presente a Zacco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento