Cronaca Zisa / Via Ida Castelluccio

Zisa, residenti di via Ida Castelluccio prigionieri di liquami e odori insopportabili

L'allarme degli abitanti: "Una situazione che va avanti dal marzo 2020, vicenda da terzo mondo"

Cinquantadue famiglie prigioniere dei liquami e dei cattivi odori. Sos da via Ida Castelluccio, dove i residenti delle abitazioni al civico 13 e 23 hanno segnalato la fastidiosa presenza di liquami all’interno dei locali condominiali. Siamo alla Zisa, vicino alle Catacombe dei Cappuccini, non lontano da via L'Emiro. Inutili i sopralluoghi con i tecnici Amap.

"I liquami fognari - spiega l'amministratrice - provenienti dalla zona di via Agostino, scendono e risiedono nei locali cantinati dei condomini. Una situazione che va avanti dal marzo 2020. Oltre a farmi preoccupare per la salute dei  condomini (52 famiglie), mi allarma il fatto che i liquami, sostanze aggressive e acide, possano intaccare le parti strutturali dell’edificio. Aggiungo pure che non si può realizzare il completamento dei lavori antincendio per cui io avevo richiesto una ulteriore proroga di 180 giorni ai vigili del fuoco. I residenti convivono con un odore nauseabondo che supera la normale tollerabilità e che può incidere sulla salubrità dell’aria e sulla salute di tutti. Mi auguro che questi liquami non attraversino le pareti della vasca di approvigionamento idrico. Sarebbe un disastro. Tutti questi incontri con gli organi competenti a cosa sono serviti?".

Sulla vicenda è intervenuto anche Antonio Nicolao condomino e vicepresidente della prima circoscrizione: "Una vicenda da terzo mondo, che ebbe inizio in coincidenza del primo lockdown - dice -. Ci sono oltre 300 appartamenti, oltre negozi e magazzini che giornalmente vivono con la puzza putrefatta e nemmeno le mascherine riescono a ridurne l'odore. E' inconcepibile che non ci sia un progetto risolutivo a breve termine, auspico che si faccia luce per capire di chi siano le responsabilità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zisa, residenti di via Ida Castelluccio prigionieri di liquami e odori insopportabili

PalermoToday è in caricamento