Lidi balneari, stop ai pagamenti dei canoni demaniali nel 2020

La norma è stata votata all'unanimità in Commissione Bilancio su proposta di Marianna Caronia e Carmelo Pullara. La deputata del Carroccio: "Adottare un provvedimento di sostegno alle imprese del settore è doveroso"

La Commissione Bilancio dell’Ars ha approvato l’esenzione totale del pagamento dei canoni demaniali per l’anno 2020. In Sicilia sono 3000 i titolari di concessione demaniale marittima, più di 7500 gli addetti e 100 mila gli stagionali impiegati nella stagione balneare. "Accogliamo con grande soddisfazione la soluzione concordata con tutta la Commissione che ha votato all’unanimità l’esenzione - ha dichiarato l’assessore al Territorio e Ambiente Toto Cordaro - garantendo una copertura che darà ristoro a una categoria alla quale il governo Musumeci guarda con grande attenzione e che è strategica per il tessuto economico della Sicilia".

L'emendamento prevede l'esenzione totale dal pagamento dei canoni demaniali per i gestori dei lidi balneari per la stagione 2020 e, al 50% per il 2021. La norma è stata votata all'unanimità su proposta di Marianna Caronia della Lega e Carmelo Pullara. Per la deputata del Carroccio, "in una regione che fa del turismo marittimo e della fruizione della costa il proprio fiore all'occhiello, adottare un provvedimento di sostegno alle imprese del settore mi sembra sia doveroso, anche per dare un segnale significativo nella direzione di una ripresa produttiva. Confido nella sensibilità di tutti i parlamentari e del Governo perché adesso la norma entri definitivamente nella finanziaria che ci apprestiamo a votare".

"Si è raggiunto - dicono Caronia  e Pullara - un risultato corretto che da reale ossigeno alle imprese che a causa del coronavirus hanno visto compromessa in gran parte la stagione estiva. Con questa norma - concludono i parlamentari - abbiamo mantenuto l’impegno preso con la categoria, certi che così facendo riusciremo a creare le condizioni perché i gestori possano garantire l’apertura dei lidi nel pieno rispetto delle norme igienico sanitarie attraverso gli investimenti che dovranno compiere. Ci auguriamo che anche i Comuni facciano la loro parte esonerando i balneari dal pagamento degli oneri concessori comunali ovvero che li rendano in servizi veri tesi alla migliore e più qualificata fruizione delle nostre spiagge".

Così Edy Tamajo, deputato all’Ars di Italia Viva: "I titolari e i gestori degli stabilimenti balneari saranno esonerati del pagamento del canone di concessione demaniale marittima per l’anno 2020. Dopo una lunga discussione, è stata trovata la copertura finanziaria. Lunedì comunque approfondiremo il tema in aula. Le imprese balneari, sono  un comparto strategico per il turismo siciliano, danno occupazione a circa 100 mila soggetti e meritano grande attenzione. E' stato ottimo il lavoro che abbiamo svolto in Commissione Bilancio in Quarta Commissione".

"Sono contenta che si sia riusciti in extremis a trovare la copertura economica in commissione Bilancio dell'Ars all'esenzione totale del pagamento dei canoni demaniali per l'anno 2020, come auspicato dalla commissione che presiedo". A parlare Giusi Savarino, presidente della commissione territorio ambiente, che spiega: "Da diversi mesi lavoriamo perché il settore dei balneari possa fare da volano dell’economia turistica della sicilia, e stiamo ponendo le condizioni perché anche questa stagione estiva possa esserlo. Martedì approveremo il decreto che darà prospettiva futura e sicurezza alle concessioni. Col Presidente Musumeci poi stiamo lavorando perché a Roma capiscano che qui in Sicilia ci sono tutte le condizioni epidemiologiche  perché la prossima stagione balneare sia attivata, e faremo si che venga organizzata tutelando salute e sviluppo turistico".

“La copertura finanziaria trovata ieri sera in commissione Bilancio all’Ars per prevedere l’esenzione totale del pagamento dei canoni demaniali di quest’anno, fa tirare un grosso sospiro di sollievo ai gestori dei lidi balneari”. Lo dicono in una nota il coordinatore regionale di Assoturismo Confesercenti, Salvo Basile e Alessandro Cilano, presidente di Fiba Confesercenti. “Era una richiesta avanzata da tempo e sostenuta dalla Commissione Turismo. Adesso l’auspicio è che si proceda in maniera celere per estendere le concessioni fino al 2033 come previsto dalla norma nazionale, senza che ciò generi altri costi e gravami burocratici per le imprese”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Piazza di Mondello, chiuso ristorante: "Bagno senza sapone e lavoratori in nero"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento