Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Lavoro sempre meno sicuro, crescono le morti bianche: 6 vittime in due mesi

Il dato si riferisce alla sola città di Palermo nel bimestre gennaio-febbraio ed è reso noto dall'Inail. Nello stesso periodo dell'anno precedente c'era stata solo una vittima. Le denunce d’infortunio sono passate da 894 a 961. L'Istituto: "Necessario intervenire sui cicli lavorativi e produttivi che stanno trasformando il lavoro in lavoricidio”

Crescono, anche a Palermo, gli infortuni e le morti sul lavoro. Nel periodo gennaio-febbraio 2019 le denunce d’infortunio in Italia sono state 4.187 contro le 4.127 dello stesso periodo del 2018. Gli incidenti mortali erano stati 5 nel primo bimestre 2018, ma sono saliti a 13 nello stesso periodo del 2019. La stessa tendenza si registra a Palermo, dove le denunce d’infortunio passano dalle 894 del  primo bimestre 2018 alle 961 del primo bimestre 2019 mentre gli infortuni mortali aumentano da 1 a 6. I dati sono resi stati resi noti dall’Inail.

L'Istituto segnala anche, in Sicilia, l’incremento nel territorio regionale delle denunce di malattie professionali per tumore. Dai 9 casi del primo bimestre 2018 si è passati ai 12 del primo bimestre 2019. Da 13 a 22 invece i casi di malattie del sistema respiratorio.

“Da tempo ormai segnaliamo, con materiali di studio e delibere, la necessità di intervenire sui cicli lavorativi e produttivi che stanno trasformando il lavoro in lavoricidio”, dice Michelangelo Ingrassia, presidente del Comitato consultivo provinciale Inail Palermo, che aggiunge: “ora anche l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, nel Rapporto pubblicato il 26 aprile in occasione della Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro, evidenzia che stiamo assistendo a profondi cambiamenti nei modi di lavorare e che abbiamo
bisogno di strutture per la sicurezza e la salute che riflettano questi cambiamenti; ma è necessario intervenire anche sul fronte delle ispezioni che nel 2018 sono addirittura diminuite rispetto al 2017”.

Dall’ultimo Rapporto annuale sull’attività di vigilanza, presentato dall’Ispettorato nazionale del lavoro il 18 aprile scorso a Roma, si apprende che nel 2018 le aziende ispezionate sono state 144.163 mentre nel 2017 erano state 160.347. “Si tratta di un dato drammatico - commenta Ingrassia - perchè il numero delle ispezioni è insignificante in relazione al numero delle aziende che in Italia, secondo i dati Istat, sono circa cinque milioni; tanto è vero che diminuiscono le aziende ispezionate ma aumentano le percentuali di irregolarità riscontrate, che sono passate dal 65% del 2017 al 70% del 2018 mentre le percentuali accertate di lavoratori totalmente in nero sono passate dal 19% del 2017 al 26% del 2018; sono numeri che raccontano la quotidiana sconfitta delle politiche del lavoro adottate in questi ultimi anni in Italia, destinati ad aumentare senza una vera inversione di rotta”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro sempre meno sicuro, crescono le morti bianche: 6 vittime in due mesi

PalermoToday è in caricamento