Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Afghanistan, 3 militari italiani morti in un incidente: uno è palermitano

Si tratta del primo caporal maggiore Francesco Paolo Messineo. Il mezzo nel quale viaggiavano si è ribaltato mentre attraversava un corso d'acqua a 20 chilometri da Shindand. I soldati sono rimasti intrappolati all'interno

C’è anche un palermitano fra i tre militari italiani in Afghanistan che sono morti in seguito ad un incidente stradale avvenuto nei pressi della località Shindand. Lo si apprende da fonti della difesa. Si tratta del primo caporal maggiore Francesco Paolo Messineo, nato il 23 maggio 1983.

I fatti, riferiscono al comando del contingente italiano, si sono verificati questa mattina a circa 20 Km a sud-ovest di Shindand, dove un Lince è rimasto coinvolto in un incidente. Il mezzo appartenente alla Task Force Center con base a Shindand, era impegnato in un'attività "tesa a recuperare una unità bloccata dalle condizioni meteo particolarmente avverse, quando, nell'attraversare un corso d'acqua, si è ribaltato intrappolando, al suo interno, tre dei militari dell'equipaggio che sono successivamente deceduti". Gli altri due militari morti sono il caporal maggiore capo Francesco Currò, nato il 27 febbraio 1979 a Messina e il primo caporal maggiore Luca Valente, nato l'8 gennaio 1984 a Gagliano del Capo (Lecce).

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha voluto esprimere i suoi sentimenti di "partecipazione al dolore dei famigliari dei caduti, rendendosi interprete del profondo cordoglio del Paese", recita una nota del Quirinale. Da Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio Mario Monti "ha appreso con dolore il grave incidente in Afghanistan nel quale hanno perso la vita tre militari italiani ed esprime il suo cordoglio alle famiglie, partecipando con commozione al loro lutto".

Pure il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, anche a nome dell'intero Governo regionale, esprime "profondo cordoglio per la morte dei tre soldati italiani in Afghanistan e piena e convinta solidarietà ai familiari delle vittime". "Mi stringo alle famiglie di questi militari nel momento del dolore e, in particolare ai parenti dei giovani siciliani Francesco Currò, originario di Messina, e Francesco Paolo Messineo, di Palermo - ha continuato Lombardo - che hanno perso la propria vita nell'adempimento del loro dovere. E' sempre molto alto il contributo di giovani vite che la terra di Sicilia fornisce per l'affermazione della pace e della democrazia nel mondo".

Il generale Biagio Abrate, capo di Stato maggiore della Difesa, "a nome delle Forze armate e suo personale ha espresso profondo cordoglio ai familiari" dei tre militari del 66/o Reggimento Aeromobile "Trieste" di Forlì. Abrate ha inoltre manifestato al capo di Stato maggiore dell'Esercito, Claudio Graziano, "il proprio dolore e il sentimento di vicinanza alla Forza Armata per il lutto che l'ha colpita". (Fonte: Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Afghanistan, 3 militari italiani morti in un incidente: uno è palermitano

PalermoToday è in caricamento