Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Politeama / Piazza Castelnuovo

Piazza Castelnuovo, donna incatenata alla statua di Ruggiero Settimo

Girolama Pagano, 65 anni residente a Brancaccio, si è legata per protestare contro l'iter giudiziario di una causa condominiale. I carabinieri l'hanno convinta a scendere e affidata al marito

Un malcontento per l'iter giudiziario di una causa condominiale in corso. Sarebbe questo il motivo, secondo quanto riferiscono i carabinieri, per cui Girolama Pagano, 65 anni, si è incatenata oggi alla statuta di Ruggiero Settimo in piazza Castelnuovo. Alle 16,40 circa, dopo un insistente opera persuasiva, i carabinieri della stazione Centro hanno convinto la donna a desistere dalla sua protesta e a farsi togliere la catena che la teneva bloccata alla statua.


Durante la protesta la donna esponeva un cartello con la scritta “Ho fame e sete di giustizia". I militari, che non hanno mai smesso di confortarla moralmente e fornirle assistenza dandole dell’acqua, sono stati elogiati dalla stessa donna che li ha ringraziati personalmente commuovendosi con un pianto liberatorio. I carabinieri per tutto il tempo hanno evitato che la stessa si potesse procurare danni fisici. Poi la donna, che abita a Brancaccio, è stata affidata al marito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Castelnuovo, donna incatenata alla statua di Ruggiero Settimo

PalermoToday è in caricamento