rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022

VIDEO | La Sicilia "sboccia" con le giornate Fai di Primavera e a Palermo riapre il Parco d'Orleans

Sabato 5 e domenica 6 giugno grazie al Fondo ambiente italiano aprono al pubblico 42 luoghi tra aree archeologiche, musei, orti botanici, itinerari naturalistici. Nel Palermitano spazio a Polizzi Generosa e Isnello, borghi gioiello nel cuore delle Madonie. Il polmone verde cittadino restituito ai cittadini dopo un lungo iter burocratico

I giardini di Palazzo d'Orléans riapriranno nei prossimi giorni. Lo ha annunciato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, durante la conferenza stampa di presentazione delle giornate Fai di Primavera in Sicilia che si è tenuta questa mattina nella sede della presidenza della Regione.

"Abbiamo dovuto faticare tre lunghi anni: il tempo necessario per chiudere un complesso contenzioso con il privato, proprietario di buona parte del patrimonio faunistico dei giardini, e per avviare le procedure autorizzative con la prefettura e con il ministero dell’Ambiente. Adesso gli animali del parco sono tutti passati al patrimonio della Regione e le autorizzazioni essenziali sono state già acquisite. Rimane aperta la interlocuzione con il ministero per definire gli ultimi dettagli, ma abbiamo già anticipato che nel frattempo restituiamo questo angolo meraviglioso alla pubblica fruizione dei palermitani e di tutti i visitatori", ha detto Musumeci.

L’apertura dei giardini, zoologico e botanico, è prevista dopo le giornate Fai di Primavera in Sicilia, dove apriranno al pubblico, sabato 5 e domenica 6 giugno, aree archeologiche, musei, orti botanici, itinerari naturalistici e borghi storici: 42 luoghi in tutta la Sicilia, poco conosciuti o inaccessibili. Alla conferenza di stamane hanno partecipato il presidente del Fai regionale, Giuseppe Taibi, gli assessori regionali, rispettivamente, ai Beni culturali e all'Economia, Alberto Samonà e Gaetano Armao, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il comandante della Legione Carabinieri Sicilia, il generale Rosario Castello, e Marco Magnifico, vicepresidente esecutivo del Fai. Hanno seguito la presentazione, in videoconferenza, anche le delegazioni Fai di tutta la Sicilia.

A Palermo è tempo di Giornate Fai con due intere giornate dedicate a Polizzi Generosa e Isnello, borghi gioiello nel cuore del Parco delle Madonie.  “Questa edizione – afferma Sabrina Milone, capo delegazione Fai di Palermo - è un piccolo miracolo che ci rende orgogliosi. All’inizio abbiamo dovuto rimandare l’evento a causa del perdurare della zona arancione in Sicilia ma adesso siamo finalmente pronti per fare la nostra parte. Abbiamo scelto il Parco delle Madonie, polmone verde ricco di preziosi tesori naturalistici e di interesse storico-artistico. Con Polizzi poi c’è un legame speciale, la Chiesa di Santa Maria Gesù Lo Piano è stata eletta dagli italiani a Luogo del Cuore nell’ultimo censimento nazionale, un risultato importante reso possibile grazie al contributo di Domenico Dolce, sostenitore e testimonial del Fai. Fondamentale anche il contributo dell’associazione Aps See Isnello, con il coinvolgimento dei giovani che durante le Giornate Fai di giugno accoglieranno e guideranno i visitatori attraverso le bellezze della loro cittadina”.  

"Il Fai nasce a Panarea, quindi in Sicilia, e mi ha sempre impressionato la generosità con cui questa Regione ci ha sempre ripagato. Il Fai opera secondo l'articolo 118 della Costituzione, ossia valorizza il lavoro dei cittadini singoli o associati per contribuire al ruolo sociale dell'ente pubblico", ha dichiarato Marco Magnifico, vicepresidente esecutivo del Fai.

La  manifestazione del Fondo per l’Ambiente Italiano è realizzata con il patrocinio del ministero della Cultura e della Regione Siciliana e con il supporto della Protezione Civile, della Croce Rossa Italiana e dell'Arma dei Carabinieri che in Sicilia aprirà 7 caserme storiche.

"Grande collaborazione con il Fai, grazie al quale apriamo le nostre caserme che costituiscono non solo un patrimonio artistico ma anche delle vere e proprie case dei cittadini. L’Arma dei Carabinieri punta alla valorizzazione e alla tutela dei beni culturali", ha dichiarato il comandante della Legione Carabinieri Sicilia, il generale di brigata Rosario Castello. "Apriremo luoghi in tutta la Sicilia grazie al contributo di tantissimi volontari: un entusiasmo che dimostra voglia di Italia e fiducia nel Paese", ha commentato Giuseppe Taibi, presidente del Fai Sicilia. 

L'edizione di quest'anno è stata, inoltre, insignita della Targa del presidente della Repubblica e ancora una volta consentirà ai siciliani di scoprire luoghi più o meno conosciuti del patrimonio culturale dell’Isola grazie al lavoro dei volontari delle delegazioni e dei gruppi Fai. "Dobbiamo cominciare a pensare che la cultura è bene economico e vaccino interiore contro ogni bruttura della vita", ha dichiarato l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà. "Quella del Fai è un’operazione di trasformazione, perché ha contribuito a fare percepire i beni pubblici e i beni privati come comuni", ha sottolineato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Il Fai ricorda che i posti disponibili sono limitati ed è consigliata la prenotazione online all’indirizzo https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/sicilia/

Video popolari

VIDEO | La Sicilia "sboccia" con le giornate Fai di Primavera e a Palermo riapre il Parco d'Orleans

PalermoToday è in caricamento