Rubavano chiavi di casa nelle auto, poi svaligiavano appartamenti: presi

Due palermitani sono stati arrestati ieri notte dalla polizia a Trapani: saccheggiavano le macchine posteggiate nelle località di villeggiatura, per poi mettere a segno i colpi in città

La polizia con la refurtiva

Rubavano le chiavi degli appartamenti dalle auto in sosta nelle località di villeggiatura, per poi mettere a segno furti in città. Due palermitani sono stati arrestati ieri notte dalla polizia a Trapani. Si tratta di pregiudicati con precedenti specifici. "Nelle prime ore della nottata erano soliti recarsi nei parcheggi o sul lungomare - spiegano dalla polizia - dove, dopo aver scelto il veicolo giusto, infrangevano i vetri prelevando le chiavi e individuando la residenza delle vittime dalle carte di circolazione. Nel cuore della notte agivano poi indisturbati in città, mettendo a soqquadro le abitazioni in tutta tranquillità, data la sicura assenza dei proprietari".

Nella nottata di ieri l’ennesimo colpo, ma questa volta, sulle loro tracce c’erano gli uomini della Squadra mobile della Questura di Trapani, che ne monitoravano i movimenti. "Infatti - dicono dalla polizia - i due pregiudicati dopo essersi impossessati delle chiavi dell’abitazione appartenente a due coniugi trapanesi, custodite all’interno della loro auto parcheggiata a Marinella di Selinunte, si sono recati rapidamente a Trapani, dove hanno consumato il furto, ripartendo poi per Palermo. Poco dopo, però, la loro fuga è stata interrotta quando sono stati intercettati e bloccati dagli equipaggi della Mobile e della volante, lungo la bretella autostradale Marsala-Birgi, dopo un pericoloso inseguimento".

Nel corso della perquisizione è stata ritrovata la refurtiva: vari oggetti in oro, banconote in euro e dollari, che i due avevano abilmente nascosto all’interno della cuffia del cambio. Per i due ladri palermitani sono così scattate le manette, con le accuse di furto aggravato, furto in abitazione, resistenza a pubblico ufficiale e sono stati posti agli arresti domiciliari. Continuano le indagini per ricostruire tutti gli episodi criminali di cui gli arrestati si sono resi protagonisti.     

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento