menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un corteo virtuale per Peppino Impastato: "I volti dei partecipanti proiettati in piazza"

Le immagini comporranno un video. Chi vorrà esserci dovrà inviare una sua foto con un cartello che riporta la celebre frase 'La mafia è una montagna di merda'. L'iniziativa è stata ideata dall'amministrazione comunale di Cinisi. Il sindaco Giangiacomo Palazzolo: "Vorrei una forte presenza simbolica da parte di tutti i primi cittadini"

Un corteo virtuale, aperto a tutti, che vede i sindaci d'Italia in prima linea. Così il sindaco di Cinisi, Giangiacomo Palazzolo, vuole ricordare Peppino Impastato, nel 43esimo anniversario della sua uccisione per mano mafiosa. "La notte tra l'8 e il 9 maggio lo ricorderò - afferma Palazzolo - con un video proiettato in piazza Vittorio Emanuele Orlando dove scorrerano le immagini di chiunque vorrà inviare una sua foto con un cartello che riporta la sua celebre frase 'La mafia è una montagna di merda'". Chiunque voglia partecipare può inviare la foto, corredata da nome, luogo di appartenenza e professione, al numero whatsapp 339/3314276 entro il 2 maggio. 

“Ogni anno, nel mio paese, sindaci di tutta Italia - prosegue Palazzolo - si uniscono in corteo con migliaia di giovani per ricordare la figura dell'eroe siciliano che ha combattuto la politica mafiosa. Quest'anno non sarà possibile per la pandemia, ma vorrei ugualmente una forte presenza simbolica da parte di tutti i primi cittadini. Impastato scriveva 'La mafia è una montagna di merda – aggiunge il sindaco - questa frase per qualcuno è storia dell'antimafia, per altri una strofa di poesia, per me - conclude il primo cittadino - è un concetto che deve appartenere a chi amministra un Comune". 

Il 9 maggio saranno tante le iniziative, gli incontri, i presidi diffusi in tutta Italia in memoria del militante siciliano assassinato. "L'amministrazione comunale di Cinisi - commenta Casa Memoria - ha deciso di sviluppare un progetto che possa dare un segnale antimafia forte, unito e compatto anche a distanza. Ringraziamo il sindaco Palazzolo, l’assessore alla Cultura Nicchi e alle Politiche giovanili Storaci per l’iniziativa che stanno promuovendo".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento