Cronaca

Maxi operazione della Finanza: scovati oltre 50 lavoratori in nero

Controlli a tutto campo delle fiamme gialle che nell scorso week end hanno elevato multe in provincia ed in città fino a 730 mila euro. Fra i reati più "gettonati" anche l'evasione dello scontrino fiscale

Maxi operazione contro l’evasione fiscale in città e in provincia dalla movida, al lavoro nero fino alla contraffazione. Lo scorso fine settimana, in occasione del “ponte dell’Immacolata”, 88 pattuglie del comando provinciale della guardia di finanza hanno portato a termine una vasta operazione di controllo economico del territorio, con l’obiettivo di tutelare il mercato legale.

Nel complesso i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria e del gruppo di Palermo, delle Compagnie di Partinico, Termini Imerese e Bagheria, delle Tenenze di Corleone, Lercara Friddi, Petralia Soprana e Cefalù e della Brigata di Carini hanno controllato 218 attività commerciali, facendo multe fino a 730 mila euro. 

Per la città di Palermo, i controlli hanno riguardato anche i locali pubblici della zona della cosiddetta movida palermitana del centro, quindi pub e drinkerie, birrerie, locali notturni, intorno all’area di via Olivella e del Teatro Massimo e in piazza Marina. Tutti gli interventi sono stati effettuati in maniera “mirata”, vale a dire verso obiettivi selezionati in base ad una preliminare analisi di rischio sviluppata dalla fiamme gialle, principalmente attraverso le banche dati a disposizione.

Per quanto riguarda le verifiche sul rispetto dell’obbligo di rilascio di scontrini e ricevute fiscali, 194 sono state le attività controllate, con il riscontro di irregolarità – fra mancata consegna del documento fiscale al cliente e omessa installazione del misuratore fiscale – nei riguardi di 79 operatori, con una percentuale di violazioni di circa il 45%,  in determinate aree della provincia si sono toccate punte intorno al 90%.

Questi in dettaglio i dati sulle attività controllate e le violazioni constatate: 53 fra bar, pub, pasticcerie e gelaterie, con 13 esercizi verbalizzati di cui 3 casi di mancata installazione del misuratore fiscale (25%); 47 ristoranti e pizzerie, con la scoperta di 18 casi di mancata emissione, 2 casi di mancata installazione del misuratore fiscale ed 1 caso di mancata richiesta intervento tecnico (45%); 37 fra negozi di abbigliamento, profumerie, articoli da regalo e casalinghi, con 12 casi di mancate emissioni ed 1 caso di mancata richiesta intervento tecnico (35%); 32 esercizi di vendita di prodotti alimentari (fra panifici, macellerie, pescherie, ecc.), con mancate emissioni di scontrino in 14 casi ed 1 caso di mancata installazione (47%); 7 fiorai, con 4 irregolarità riscontrate (57%); 16 attività di altro genere, con 9 verbali elevati per varie irregolarità riscontrate (56%).

Per il contrasto al lavoro nero, sono stati controllati altri 24 esercizi (3 pasticcerie, 11 ristoranti, pizzerie, agriturismo, 4 negozi di abbigliamento e calzature, 1 panificio  e 5 attività di vario genere), con la scoperta di 3 lavoratori irregolari e 51 completamente in nero. In particolare spicca il caso di un panificio  dove tutti gli 11 lavoratori erano “impiegati” completamente in nero, senza alcuna garanzia previdenziale e contributiva, nonché presso una pasticceria dove sono stati scoperti altri 9 lavoratori in “nero” e presso una enoteca della “movida” palermitana sita nel centro storico della città dove tutti i 7 dipendenti sono risultati “in nero”.

Per questi esercizi, oltre alle sanzioni amministrative previste, verrà avanzata la proposta di sospensione della licenza ai competenti Uffici del Lavoro avendo impiegato oltre il 20% del totale dei propri dipendenti in nero.

Nel corso del piano di controllo economico del territorio, i baschi verdi del Gruppo Pronto Impiego di Palermo hanno contestualmente svolto una serie d’interventi contro la vendita di prodotti contraffatti e pericolosi, nelle zone del centro storico palermitano maggiormente interessate dal fenomeno, che ha portato al sequestro di 365 cd e dvd contraffatti.

In tale contesto, la Compagnia di Termini Imerese, nell’ambito dei controlli condotti sul proprio territorio ha sequestrato 1.183 prodotti di presumibile provenienza cinese tra giocattoli, materiale elettrico e cosmetici, tutti privi delle informazioni in lingua italiana sui materiali e sui processi di fabbricazione. La marcatura di sicurezza Ce sulle confezioni, era stata volutamente camuffata dietro le iniziali della sigla “China Export” ed i cosmetici non recavano nemmeno la data di scadenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi operazione della Finanza: scovati oltre 50 lavoratori in nero

PalermoToday è in caricamento