L'Ersu e l'associazione Joe Petrosino insieme per educare gli studenti alla legalità

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Promuovere la cultura della legalità tra gli universitari: è lo scopo del protocollo d’intesa firmato questa mattina tra l’assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale, l’Ersu e l’associazione Joe Petrosino Sicilia. Attraverso questo accordo, saranno valorizzate attività mirate ad approfondire la conoscenza della figura del poliziotto ucciso dalla mafia, Joe Petrosino, ed a sviluppare capacità espressive e comunicative degli studenti in tema di legalità. Sarà inoltre valorizzata la struttura Hotel de France/Casa del Goliardo di Palermo, dove fu ospitato il poliziotto italo-americano prima di essere ucciso.

“È importante parlare di legalità fra gli studenti – spiega Roberto Lagalla – per contrastare il silenzio e promuovere attività utili a stimolare una maggiore consapevolezza del tema e delle problematiche connesse. Libertà, uguaglianza, onestà, solidarietà e rispetto della legge sono valori alla base della nostra Costituzione e imprescindibili per la formazione di giovani coscienze civiche. Sulla loro promozione è necessario lavorare ancora molto, soprattutto nelle scuole, grazie anche ad un approfondimento della conoscenza della storia di quegli uomini, come Joe Petrosino, che ne sono stati un significativo esempio”.
 
Sotto l’impulso dell’Ersu, saranno infatti coinvolti gli studenti dell’Università, dell’Accademia delle Belle Arti, del conservatorio Alessandro Scarlatti e della Lumsa.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento