rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Libertà / Via Marchese di Villabianca

Ladri a caccia di spiccioli e buste nelle portinerie, denunciati 4 episodi in zona Libertà

Frugano nei cassetti, magari dopo aver forzato la porta o rotto un vetro, accontentandosi di quello che trovano. Due i casi in via Marchese di Villabianca, un altro in largo Primavera. Al vaglio della polizia le immagini di alcuni impianti di videosorveglianza

Frugano nei cassetti cercando lettere, magari assegni, carte di credito o qualsiasi oggetto possa avere valore. Sono almeno quattro gli episodi di furti registrati nelle portinerie di alcuni condomini in zona Libertà. Solo nelle ultime settimane sono state presentate quattro denunce per episodi avvenuti tra via Marchese di Villabianca, largo Primavera e qualche altra strada vicina. Da giorni gli agenti della sezione Investigativa del commissariato Libertà hanno avviato le indagini e stanno analizzando le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza di alcuni negozi.

L’ultima incursione notturna risale alla scorsa settimana, in via Marchese di Villabianca. I ladri (o il ladro) sono riusciti a intrufolarsi nell’androne di un palazzo all'altezza di via Laurana, a forzare la porta del gabbiotto del portiere e rovistare un po’ ovunque, allontanandosi con pochi spiccioli e un mazzo di chiavi che consentono l’accesso ad alcuni locali condominiali da cui però non è stato portato via nulla. Le chiavi sono state recuperate la mattina seguente lungo la strada, gettate probabilmente dai ladri durante la fuga.

Qualche giorno prima era successo in largo Primavera, una striscia di cemento tra via Notarbartolo e via Petrarca lungo la quale ci sono gli ingressi di palazzi e attività commerciali. Anche in questo caso le telecamere di un negozio vicino avrebbero ripreso il passaggio dei malviventi che hanno poi rovistato in una portineria allontanandosi con un magro bottino. Quindi nuovamente in via Marchese di Villabianca, nel corso della stessa settimana, con modalità simili e potenzialmente riconducibili agli stessi soggetti.

Il sospetto infatti è che dietro la scia di episodi possa esserci una mano e non si esclude che nelle prossime settimane ci possano essere novità. La polizia intanto consiglia a tutti maggiore accortezza, evitando di lasciare in portineria oggetti incustoditi, contanti o corrispondenza. Un’altra raccomandazione è quella di installare un impianto di videosorveglianza interno, sia come deterrente sia come strumento da utilizzare nele fasi investigative. Un video di pochi secondi o qualche frame potrebbe consentire di mettere in fila una serie di indizi utili per scoprire l’identità dei responsabili e incriminarli.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri a caccia di spiccioli e buste nelle portinerie, denunciati 4 episodi in zona Libertà

PalermoToday è in caricamento