Cronaca

Il “Gratta e vinci” non conosce crisi Palermo si piazza al quinto posto

Secondo i dati diffusi dall'Agicos il capoluogo siciliano è al quinto posto con una raccolta nel 2011 di oltre 340 milioni, dove in media nel 2011 si sono spesi 276 euro a testa

Un "turista per sempre"

In tempo di crisi si cerca maggiormente la fortuna attraverso “Gratta e Vinci” e scommesse. Soprattutto al sud. Almeno secondo i dati diffusi dall'Agicos (Agenzia giornalistica giochi e scommesse), dove nelle prime 7 posizioni delle province dove si “gratta” di più, ben 5 si trovano nel Mezzogiorno. Roma è la provincia con la raccolta maggiore, dove nel 2011 si sono spesi 785,5 milioni di euro. Seguono Milano (544,8 mln), Napoli (539 mln) e Bari (481,9 mln). Palermo si trova al quinto posto, con 342,4 milioni e con una spesa pro-capite annua di 276 euro. Una cifra altissima se paragonata alla spesa pro-capite di Milano (144 euro) e Napoli (175). Foggia (325 euro), Trapani (321) e Bari (307) sono invece le province con la spesa pro-capite più elevata.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il “Gratta e vinci” non conosce crisi Palermo si piazza al quinto posto

PalermoToday è in caricamento