Primo trapianto di fegato tra positivi, Orlando: "Ismett si conferma centro di eccellenza"

Il sindaco ha commentato la notizia dei due trapianti eseguiti nel centro palermitano con la collaborazione di alcune aziende del Sistema sanitario siciliano

"Ancora una volta in questi giorni l'Ismett si è confermato centro di eccellenza nel settore dei trapianti non sono nella nostra regione. Ancora una volta, in poche ore la cultura della donazione di organi diventa strumento per tutelare la vita. Se è doveroso e motivo di orgoglio ringraziare il personale dell'Ismett che si adopera con sempre grande professionalità in ogni aspetto della delicata procedura relativa ai trapianti, altrettanto doveroso è ringraziare coloro che con la donazione degli organi hanno dimostrato di avere rispetto e amore per la vita". Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando commentando la notizia di due trapianti eseguiti all'Ismett di Palermo con la collaborazione di alcune aziende del Sistema sanitario siciliano come il Centro regionale trapianti e l'equipe dell'ospedale San Marco di Catania. Il primo, un trapianto di fegato, è stato eseguito su una paziente già affetta da Coronavirus che ha ricevuto l'organo prelevato da un donatore Covid-19 positivo, il secondo, un trapianto di rene, è stato eseguito su un cittadino di 21 anni del Mali beneficiario del Siproimi (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e minori stranieri non accompagnati) del Comune di Palermo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento